MANOVRA. FURLAN: ASPETTI POSITIVI MA NON BASTA, SERVE BLOCCO LICENZIAMENTI.

(DIRE) Roma, 19 ott. – Nella manovra “ci sono degli aspetti positivi come la conferma del taglio del cuneo fiscale a favore dei lavoratori o l’assegno unico a sostegno delle famiglie. Ma questo non basta per quella svolta per la crescita che noi auspichiamo”. Lo dice la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, in una intervista al quotidiano “Il Mattino”, osservando che “sin che dura la crisi sanitaria ci deve essere la proroga della cassa covid e il blocco dei licenziamenti. Sono due misure collegate, soprattutto fino a quando non ci sara’ una riforma degli ammortizzatori sociali e un vero piano di politiche attive. Inoltre sono del tutto insufficienti le risorse per il rinnovo dei contratti pubblici e per le assunzioni indispensabili nella pubblica amministrazione e nella scuola. Mercoledi’ avremo un nuovo incontro con il governo. Se non avremo risposte alla nostre richieste, il sindacato non si restera’ fermo e si fara’ sentire”. La leader della Cisl sottolinea che “oggi la priorita’ e’ salvare le vite umane. Ed i fondi del Mes possono solo aiutarci. Ogni altra disquisizione di natura politica o finanziaria e’ assolutamente fuori luogo. Occorre fissare insieme al Governo le vere priorita’ che per noi restano: nuove infrastrutture, formazione, digitalizzazione, scuola, ricerca, sanita’. Non possiamo sciupare questa occasione per il Sud e per tutto il paese”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

(lettori 1 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: