WeSport: mercoledì sera l’ultimo appuntamento di Libriamoci.

Dopodomani, alle ore 21:00, Angelo Ferracuti racconterà Luigi Di Ruscio, con ricordi, riflessioni, lettura di poesie del grande poeta e scrittore “operaio” accompagnate dalle musiche e dai canti di Paolo Capodacqua.

Mercoledì 24 agosto, alle ore 21:00, è in programma l’ultimo appuntamento di Libriamoci, l’iniziativa culturale che rientra nell’ambito delle attività estive di WeSport Frosinone e che l’Associazione Gottifredo ha sostenuto in modo determinante. Per buona parte dell’estate la piscina, nelle ore serali, si è trasformata in un luogo di riflessione e di conoscenza. Protagonisti sono stati alcuni autori di respiro nazionale o locale che hanno pubblicato di recente una loro opera.

Il primo appuntamento si è tenuto il 7 luglio con Davide Orecchio che, con la presentazione del romanzo Storia aperta (Bompiani, 2022), ha inaugurato la sezione di Libriamoci dedicata al Novecento (storie, profili e segreti del secolo breve). Insieme alla locale libreria Ubik sono state realizzate anche altre due sezioni: Reload, dedicata alla valorizzazione di scrittori locali e inaugurata dalla poetessa Barbara Abbruzzesi (Annodo sillabe, Albatròs, 2022); e Di calibro, per incontrare gli autori di classifica, che si è aperta con lo scrittore Andrew Faber (Ti passo a perdere, Interno Poesia, 2022).

L’evento di dopodomani è qualcosa di diverso: uno spettacolo, un recital, dal titolo “Non possiamo abituarci a morire”, che Angelo Ferracuti (scrittore e giornalista) e Paolo Capodacqua (chitarrista e autore di musiche e canzoni) dedicheranno a Luigi Di Ruscio, poeta e scrittore “operaio” ai più misconosciuto benché assai apprezzato da autori del calibro di Quasimodo, Fortini, Roversi, Leonetti.

 

 _

————————————
(Ufficio Stampa – Consorzio Parsifal)
(lettori 180 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: