Quande se giucava a la glippa.

 

Poesia di Antonio Camilli

Na mazza pure storta

ne piezze de ramazza appuzzutata

esse la glippa forza bardasci

dacce na botta

falla ulà chiù forte

daglie viente,

luntane addò glie fiume

frabotta ‘nche glie tiempe.

Strille, resate, facce de fallone

cotte aglie sole calle dell’estate.

Me pare ieri…so quarant’anni  ‘nvece!

Se no so ite tutte de ne fiate-

Giucaue alla glippa, allora,

a strummele, a celatra,

mieze a l’aura fresca de ne prate

addò mo’ ciaue fatte gli spedale.

Ma a glippa non se gioca più,

glie prate so duuntate trippe.

(lettori 6 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: