Giovani meno attratti dalle professioni sanitarie. Giuliano (Ugl): “Invertire rotta per non arrivare al punto di non ritorno”.

Arriva dalle Università un altro segnale d’allarme per il mondo della sanità. “Aumentano i posti messi a bando per i Corsi di Laurea della Professioni Sanitarie ma diminuiscono, in rapporto, le domande” commenta il Segretario Nazionale della Ugl Salute Gianluca Giuliano. “Il rapporto domande/posto – prosegue il sindacalista – ha subito un calo dello 0,3 % passando dal 2,9 al 2,6. Non è assolutamente un buon segno. Evidentemente nonostante la pandemia ha dimostrato in maniera inconfutabile il bisogno di aumentare il numero di professionisti i giovani sono poco convinti ad intraprendere questa strada. Le istituzioni farebbero bene a riflettere sui motivi che rendono i percorsi in qualche modo meno attrattivi: ovviamente le retribuzioni, non al passo con la media europea, poi la sicurezza sui luoghi di lavoro. La categoria degli operatori sanitari è quella che ha pagato, e continua a farlo, il prezzo maggiore al contagio da Covid. Di aggressioni, fisiche e verbali, ai danni di chi sta svolgendo il lavoro in prima linea ne sono piene le pagine di cronaca. Bisogna rimettere la barca dell’assistenza nella giusta direzione altrimenti il rischio che si arrivi a un punto di non ritorno è sempre più vicino” conclude Giuliano.

(lettori 179 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: