Covid, D’Amato: “Terza dose dopo cinque mesi, anche Locatelli è d’accordo”.

di Alfonso Raimo

L’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato: “Rispetto alla situazione pandemica siamo in ritardo di un mese”.

 ROMA – La terza dose va anticipata “dopo cinque mesi e non sei” perché rispetto all’attuale situazione pandemica siamo in ritardo di un mese”. Lo dice l’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato in un’intervista al Corriere della Sera.

“Spero che la mia proposta venga presa seriamente in considerazione. Anche Franco Locatelli si è espresso a favore. La Gran Bretagna lo sta già facendo e la Stiko, la commissione speciale tedesca sui vaccini, raccomanda la riduzione a 150 giorni. In questo modo recupereremo il mese perso”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

(lettori 187 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: