LAZIO PRIDE: RIETI, NOMINATA ASSESSORA OMOFOBA. PARAGONÒ LE NOSTRE RIVENDICAZIONI LGBT+ ALLO SDOGANAMENTO DELLA PEDOFILIA.

Se la politica ha la memoria corta, la società civile non deve e non può dimenticare.

Nel 2019, l’anno in cui la città di Rieti venne proposta per il Lazio Pride, l’allora consigliera comunale, oggi non eletta delle cittadine e dai cittadini eppure nominata assessora, Letizia Rosati sostenne il diniego al Pride ed equiparò il mondo lgbt+ allo sdoganamento della pedofilia. Parole intrise di omofobia.

Ci si chiede come sia possibile nominare assessora alla cultura una persona che – con un ruolo istituzionale – ha calpestato la dignità di tutte quelle persone che rivendicano la possibilità di avere un posto in questa società. Ci si deve domandare: cosa accadrà nelle scuole nei prossimi 5 anni? L’amministrazione reatina si presterà alla celebrazione di una sottocultura omofoba? La giunta condivide o prende le distanze dalle affermazioni dell’ex consigliera?

Si è scelto di lasciare inascoltata la volontà espressa da quelle cittadine e cittadini che hanno manifestato per i diritti della comunità LGBT+ nel 2021.

Il sindaco dimostri di essere distante dalle posizioni dell’assessora e di voler rappresentare tutte e tutti.

La cultura non può essere propaganda omofoba.

Comitato Lazio Pride

(lettori 187 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: