Osservatorio amianto

Assistenza per ottenere il riconoscimento di Vittima Del Dovere

Tutti coloro che nell’esecuzione del servizio in una delle attività di cui all’art. 1, co. 563, L. 266/2005, hanno subito delle infermità o lesioni invalidanti, sono vittime del dovere.
Inoltre, ci sono casi in cui nelle normali attività , vi è esposizione ad amianto, uranio impoverito, a radiazioni e altri agenti cancerogeni.
In questi casi, le esposizioni provocano danni alla salute. Nel caso di danno biologico per compimento del servizio in queste condizioni di rischio, si ha diritto alla cosiddetta equiparazione alle vittime del dovere.
Quindi sono equiparati alle vittime del dovere, coloro che hanno subito un danno biologico per aver svolto il servizio in particolari condizioni ambientali ed operative eccedenti l’ordinarietà.
Infatti, con il riconoscimento della causa di servizio, queste vittime e loro familiari superstiti hanno diritto agli indennizzi, ai sensi dell’art. 1, co. 564, L. 266/2005, e art. 1 del d.p.r. 243/2006.
Queste prestazioni si aggiungono al diritto di ottenere l’integrale risarcimento di tutti i danni.
In sostanza, il perimetro di tutela delle vittime per motivi di servizio è stata ampliata in favore di coloro che hanno subito danni per malattie professionali per esposizioni a cancerogeni e ad altri agenti tossico-nocivi.
SCOPRI COME OTTENERE ASSISTENZA

Esposizione ad uranio impoverito: assistenza
L’uranio impoverito non è particolarmente pericoloso, nella sua forma originaria.
Quando, però, prende fuoco a seguito del suo utilizzo, si frammenta in piccole particelle polverose e potenzialmente tossiche.
Queste particelle rischiano di diffondersi nell’aria con una facilità estrema, mettendo così a rischio un numero elevatissimo di persone.
L’uranio impoverito, infatti, è altamente tossico se inalato, ingerito o se entra in contatto diretto con ferite (vedi, ad esempio, nel caso dei proiettili).
La sua pericolosità, a differenza dell’amianto, è circoscritta al breve termine e non esistono studi che dimostrino la sua tossicità a lungo termine.
L’inalazione rimane, tuttavia, il pericolo di contaminazione principale, perché le polveri sono sottilissime e intaccano gli alveoli polmonari in pochissimo tempo.
La radioattività dell’uranio impoverito, invece, è definita di basso livello (l’uranio arricchito ha un potenziale radioattivo molto più elevato).
I danni potenziali dati dall’esposizione a uranio impoverito, in ogni caso e a prescindere dalla sua radioattività, riguardano i reni, il pancreas, lo stomaco e l’intestino.
Un nesso di causalità tra esposizione a uranio impoverito e malattie tumorali è accertato, anche se la pericolosità a lungo termine non ha ancora prove effettive. Le malattie più diffuse rimangono il Linfoma di Hodgkin e la leucemia.
CHIEDI LA TUA CONSULENZA GRATUITA

CONSULTA IL SITO DELL’AVV. EZIO BONANNI
VISITA IL SITO WEB 
CONSULTA IL SITO ONA – OSSERVATORIO AMIANTO
VISITA IL SITO WEB

Questa email è stata inviata a info@frosinonemagazine.it

Ricevi questa email perché sei iscritto a Osservatorio Nazionale Amianto ONA Onlus
(lettori 179 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: