LAVORO. SBARRA (CISL): PATTO SOCIALE E PARTECIPAZIONE LAVORATORI.

(DIRE) Roma, 18 lug. – “Ci sono filiere come il tessile, il calzaturiero, l’automotive che stanno soffrendo di più. Ma alcune aziende aprono le procedure di licenziamenti solo per motivi di carattere speculativo e di delocalizzazione». È quanto sottolinea in una intervista al ‘Corriere della Sera’ il Segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra. “Bisogna innanzitutto far rispettare l’avviso comune del 29 giugno – aggiunge -che impegna le aziende ad utilizzare gli ammortizzatori sociali, i contratti di solidarietà ed intese sulla riduzione dell’orario, prima di avviare qualsiasi licenziamento. Le associazioni datoriali devono fare di tutto per riportare queste aziende nel tracciato della responsabilità sociale. Allo stesso tempo il premier Draghi deve attivare subito a Palazzo Chigi il tavolo di monitoraggio sulle crisi aziendali. E bisogna affrontare il tema delle delocalizzazioni, con regole omogenee a livello europeo, tutele per l’occupazione e sanzioni per chi non rispetta gli accordi”. Sulla riforma degli ammortizzatori sociali il leader della Cisl propone “un sistema di protezione universale di tipo assicurativo per non lasciare nessuno senza tutele a prescindere dalla dimensione dell’azienda e dal contratto. Ma sarà indispensabile un intervento della fiscalità generale, perché parliamo di piccole aziende”.

Per Luigi Sbarra “serve un piano straordinario che punti sulla formazione e sulla crescita delle competenze, soprattutto digitali. I fondi interprofessionali possono fare la loro parte, ma ci sono tanti enti di formazione che possono dare un contributo. È indispensabile una sinergia tra il sistema pubblico, le agenzie private, le università, le regioni e i fondi bilaterali, non solo per reclutare i formatori, ma soprattutto per incrociare le banche dati, per orientare ed accompagnare le persone che cercano un lavoro. Per questo vanno potenziati i centri per l’impiego. Oggi un operatore dei nostri centri dovrebbe seguire circa 500 disoccupati. In Germania il rapporto è invece di un operatore ogni 20 disoccupati”. Il leader della Cisl rilancia la proposta di introdurre un sistema di partecipazione dei lavoratori alla gestione d’impresa, sul modello tedesco. “Bisogna – dice – cambiare il modello di crescita e sviluppo, mettendo al centro la qualità e stabilità del lavoro, la dignità della persona, il valore della partecipazione, se vogliamo gestire con equità questa fase di trasformazione. La partecipazione è lo strumento per cambiare. Sarebbe una rivoluzione sociale e culturale. In questi anni sono state depositate in Parlamento decine di proposte di legge, anche per cercare di riparare l’errore compiuto di aver privatizzato le grandi aziende pubbliche, senza un disegno di democrazia economica e di strumenti di controllo a garanzia dell’occupazione e di sicurezza dei cittadini. Riparliamone senza pregiudizi. Draghi su questo tema mi è sembrato molto aperto”. Infine Sbarra ribadisce che “ci vuole una fase di rinnovata concertazione per un Patto sociale sul rilancio e la ricostruzione del Paese. Su questo misureremo il governo, i partiti e le altre parti sociali”.

(lettori 181 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: