G20 a Matera, Di Maio: “Post pandemia occasione per una società più sostenibile”.

di Anna Martino

Lo ha dichiarato il ministro degli Affari esteri, Luigi Di Maio, in apertura del primo appuntamento del G20 alla presenza dei ministri dei paesi aderenti.

POTENZA – “La ripresa post pandemica offre un’opportunità straordinaria per ricostruire la nostre società in maniera più sostenibileequa ed inclusiva. La presidenza italiana del G20 si pone l’obiettivo di accelerare il passo verso il raggiungimento degli obiettivo di sviluppo sostenibile dell’agenda 2030 in tutte le regioni e i paesi del mondo”. Così il ministro degli Affari esteri, Luigi Di Maio, in apertura del primo appuntamento del G20 a Matera, a Palazzo Lanfranchi, alla presenza dei ministri dei paesi aderenti.

“Il contrasto ai cambiamenti climatici – ha detto – è tra queste priorità: ripristinare la salute delle nostre economie significa anche investire nella salute del nostro pianeta e porre le persone e la natura al centro delle strategie delle politiche della ripresa. Il 2021 è un anno cruciale per rilanciare la cooperazione internazionale su questi temi”. Per Di Maio, le due conferenza Onu sui cambiamenti climatici e la biodiversità sono “un’occasione imperdibile per attuare gli accordi di Parigi con l’adozione di impegni ambiziosi di breve termine nel sostegno all’obiettivo delle neutralità climatiche, che auspichiamo essere al 2050 in base agli impegni presi da un numero crescente di paesi”. Il G20 per il ministro “ha una particolare responsabilità nel favorire questi processi”. “L’Italia darà il proprio contributo attraverso la presidenza del gruppo e come partner del Regno Unito per la Cop26. Organizzeremo a Milano la pre Cop e . Ha concluso Di Maio – un evento speciale dedicato ai giovani che per la prima volta verranno coinvolti nella negoziazione sui cambiamenti climatici”.

CON LA PANDEMIA È EMERSA LA VULNERABILITÀ DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE

“La pandemia – aggiunge Di Maio – ha evidenziato tutta la vulnerabilità del sistema commerciale internazionale e delle catene globale del valore. Un commercio libero, equo e inclusivo è basato sul rispetto di regole condivise ed è essenziale per contrastare la pandemia e promuovere una ripresa sostenibile che renda le nostre economie più verdi e digitali”. “Anche in vista della dodicesima conferenza ministeriale dell’Omc, che prenderà il via a fine anno e in linea con gli impegni sottoscritti agli ultimi vertici – avverte il ministro – il G20 dovrà continuare a fornire un forte sostegno alla riforma dell’organizzazione. Come presidenza del G20, l’Italia lavora intensamente per accompagnare questo processo e favorire un’ampia convergenza internazionale sul bilancio dell’interscambio degli investimenti, con particolare attenzione al rafforzamento delle catene di valore dei prodotti sanitari, alla sostenibilità ambientale, all’internazionalizzazione e all’innovazione delle piccole e medie imprese”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

 

(lettori 174 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: