ZAVOLI. FRANCESCHINI: I SUOI VALORI INDICHERANNO LA STRADA AL PAESE.

(DIRE) Roma, 6 ago. – “Il Governo si associa alle parole” della presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, “nel manifestare il dolore di tutto il Paese per la scomparsa” di Sergio Zavoli. Cosi’ il ministro dei Beni e delle Attivita’ culturali e del Turismo, Dario Franceschini, ricordando in Senato il grande giornalista e scrittore scomparso martedi’ scorso. “Siamo in un tempo in cui tutto e’ veloce, tutto e’ necessariamente superficiale, un tempo di grida e aggressivita’, mentre Sergio Zavoli era l’opposto, era la forza della quiete, mai l’ostilita’ nei confronti degli avversari e mai nelle interviste straordinarie che faceva, in cui la sua personalita’ era cosi’ forte da emergere nella voce fuori campo che ha introdotto nella comunicazione italiana. Bastava quella per dare autorevolezza”, ha ricordato il ministro. “Era un uomo fuori dal tempo- ha aggiunto- Io credo che la sua grandezza sia proprio in questo: non era indietro rispetto ai tempi di oggi, era piu’ avanti e ci ha indicato semplicemente la strada. La strada che dovrebbe percorrere il Paese con quei valori e con quei comportamenti che ci ha mostrato per tutta la vita. Continuera’ a farlo dalla sua Rimini, in fondo sara’ per sempre nella Rimini di Amarcord insieme al suo amico Fellini, a indicarci la strada”. Franceschini ha poi ricordato che Zavoli “ha scritto poesie meravigliose, che resteranno nel tempo. E in tutte le cose che ha fatto e’ stato riconosciuto dalle persone che lo hanno frequentato come un grande e un autentico, di quella autenticita’ che non si puo’ mascherare ma che emerge con forza nei rapporti personali”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 87

Potrebbero interessarti anche...