USA. AMNESTY: PERICOLOSO L’ORDINE DI TRUMP SUI SOCIAL MEDIA.

L’ONG: TUTTI DEVONO POTER ACCEDERE ALLE INFORMAZIONI (DIRE) Roma, 29 mag.“Ognuno dovrebbe accedere alle informazioni, specialmente durante una pandemia nella quale notizie corrette possono fare per molti la differenza tra la vita e la morte”. Cosi’ Amnesty international ha commentato in una nota l’ordine esecutivo emanato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, in base al quale le aziende proprietarie dei social media non saranno piu’ immuni da responsabilita’ per i contenuti generati dagli utenti. L’ong internazionale ha continuato: “Negli Stati Uniti oltre 100.000 persone sono morte a causa dell’epidemia di coronavirus, e quest’amministrazione continua a gestire male la crisi. Nessun’altra persona dovrebbe morire perche’ nel mezzo di un’emergenza globale non ha ricevuto informazioni corrette”. Si legge ancora: “Le minacce e le ritorsioni nei confronti di piattaforme che fanno semplicemente fact-checking sono tanto piu’ preoccupanti perche’ provengono da un’amministrazione che attacca la stampa e i giornalisti che dicono la verita’. Non e’ il presidente a decidere cosa e’ vero e cosa no. Proseguire con questo pregiudizio e’ pericoloso e irresponsabile”. Secondo Amnesty, “non c’e’ alcun motivo per cui Twitter debba sentirsi in colpa per aver finalmente deciso di fornire informazioni di contesto ai suoi utenti. Era un atto da tempo dovuto e c’e’ ancora altro da fare per renderla una piattaforma sicura per le utenti e gli utenti che ogni giorno subiscono attacchi”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 100

Potrebbero interessarti anche...