UNIVERSITÀ. DOMINICI UNIMORE TRA I TOP 100 DELLE TERAPIE GENICHE.

MEDICE MAKER LO INSERISCE PER LA SECONDA VOLTA TRA LEADER SETTORE (DIRE) Bologna, 10 mag. – Massimo Dominici, docente dell’Universita’ di Modena e Reggio Emilia, direttore della struttura complessa di Oncologia del Policlinico, e’ ancora nella top 100 dei 100 migliori leader e opinion maker nel settore della terapia genica di Medice Maker. Dominici e’ l’unico italiano presente nella categoria ‘Advance medicine’. Per il professore si tratta di una conferma, visto che era stato incluso anche nella classifica 2019.
Il Medicine Maker e’ una pubblicazione globale leader nella terapia cellulare e genica che annualmente stila un elenco dei 100 leader e opinion maker del mondo il cui lavoro ha contribuito a un significativo progresso nell’industria biofarmaceutica e nella medicina. “Sono felice di questa conferma che premia il lavoro fatto in questi anni assieme ai miei collaboratori del laboratorio di ricerca di terapie cellulari e nel programma di terapie cellulari e immuno-oncologia istituito dall’azienda ospedaliero-universitaria nel giugno 2019”, spiega Dominici. “Il nostro obiettivo e’ trasferire anni di ricerca sulle cellule in vari settori della medicina e della chirurgia grazie anche a collaborazioni in ambito ematologico, radioterapico, pediatrico, ortopedico, reumatologico, della chirurgia ricostruttiva e plastica, della chirurgia toracica e epato-bilio-pancreatica, della pneumologia, della neurochirurgia e della dermatologia”, aggiunge. La power list del Medicine Maker viene compilata da un gruppo di esperti che analizzano le attivita’ svolte nel settore, la visibilita’ e il numero di citazioni di articoli scientifici degli stessi autori. Quest’anno le caratteristiche erano small molecules, advance medicine, biopharmaceuticals.
“Anche quest’anno l’Universita’ di Modena e Reggio puo’ annoverare un suo docente e ricercatore in questa prestigiosa classifica. Dominici e’ uno dei tre italiani ricompreso tra i cento opinion leader mondiali in questo settore, che vive sull’innovazione tecnologica e sulla collaborazione tra la funzione di ricerca, didattica e assistenziale, una sinergia che a Modena viene da anni realizzata con grande profitto”, sottolinea il rettore Adolfo Porro.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:134
Print Friendly, PDF & Email