UE. ZINGARETTI: NON CONTIAMO PIÙ NULLA, GOVERNO SENZA IDEE NÉ VISIONE.

(DIRE) Roma, 3 ago. – “Strano. Nell’ennesima intervista da campagna elettorale permanente Di Maio non ha annunciato che il Governo regalera’ un panino al salame per tutti. Ha lanciato un assist a Salvini che oggi proporra’ un panino e una bibita per tutti. Intanto la produzione industriale cala, il Pil e’ a zero, la cassa integrazione straordinaria e’ raddoppiata. In Europa e nel mondo non contiamo piu’ nulla: dovevano cambiare tutto, non trovano neanche un Commissario per rappresentarci”. Lo scrive sull’Huffington post il segretario del Partito democratico e presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “In realta’ c’e’ poco da ridere- aggiunge- l’egoismo di chi ci governa sta bombardando l’Italia di idee stravaganti confuse e spesso irrealizzabili. Senza un progetto, una visione, una strategia e i risultati si vedono. Per questo noi ripartiamo dalle idee, perche’ qualsiasi riscossa e costruzione di un’alternativa non puo’ che partire da una visione e una idea di Paese. Il Pd ha iniziato a fare proprio questo. La costituente delle idee per un piano per l’Italia ha questo obiettivo: ricreare fiducia e ottimismo ricostruendo insieme un credibile piano di sviluppo del Paese fondato sulla sostenibilita’ ambientale e sociale. Stiamo chiamando la parte migliore e piu’ creativa del Paese a collaborare. Lo faremo da settembre con appuntamenti tematici, lo faremo con grandi agora’ di confronto nelle citta’ italiane. Lo faremo ricostruendo una nuova agenda: scuola e conoscenza; sanita’ e welfare; investimenti, con risorse che ci sono, per cantieri green che creino lavoro”. E ancora. “Aggiungo, da amministratore, con una grande semplificazione dello Stato che renda credibile parlare di sviluppo, investimenti e riforme in questo Paese reso complicato dall’affastellamento confuso di riforme mancate o approvate senza un disegno strategico. In Italia- scrive Zingaretti- non si fanno piu’ figli e ossessionati dagli sbarchi di immigrati hanno nascosto la fuga dei nostri giovani dal Paese. Come ha ricordato Emanuele Felice, si stanno producendo due fratture gravi. Una tra nord e sud e un’altra tra Italia e la media Ue. Cosi l’Italia muore. Io sono contento che molti si affannano a dire che il Pd da solo non basta. Ma intanto il Pd c’e’, cresce ed e’ l’unica credibile alternativa a questo stato di cose. Oggi con la costituente offre uno spazio a tutti per contribuire. Nel web, negli appuntamenti nazionali nelle citta’: sarebbe il caso per molti di provare, oltre che a giudicare e commentare, a contribuire. Sono certo che saremo in molti, centinaia di migliaia. Ho fiducia. Pochi credevano nel 1.600.000 italiani ai gazebo e nessuno credeva nei 4 punti in piu’ alle Europee e nel sorpasso con i Cinque stelle. Non basta? No. Ma anche per questo partecipate tutti. Perche’ il futuro e’ li’. Nell’immaginare e costruire un domani migliore e non nell’essere ossessionati e subalterni a chi sta fallendo e vuole portarci tutti nel baratro”. 

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:22
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...