UE. SASSOLI: SE PAESE NON È SOLIDALE ABBIA MENO FONDI DA EUROPA.

PRESIDENTE PARLAMENTO: INSERIRE CONDIZIONALITÀ NEL NUOVO BILANCIO (DIRE) Cesenatico, 14 set.– “Se un Paese non e’ disponibile a dare solidarieta’ agli altri, ricevera’ meno soldi”. Tiene il punto David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, che anche oggi a margine del suo intervento alla Scuola di Politiche di Enrico Letta, a Cesenatico (Forli’-Cesena), torna a rilanciare la sua proposta nell’ambito della discussione sul bilancio europeo. “Perche’ non mettere una condizionalita’?- sostiene Sassolialziamo il bilancio, rendiamolo piu’ forte, ma se un Paese non e’ disponibile a dare solidarieta’ agli altri Paesi ricevera’ meno soldi, e cosi’ costruira’ meno metropolitane e strade”. Insomma, dice il presidente del Parlamento Ue, “e’ bello farsi autostrade e metropolitane con i soldi europei, ma non lo e’ invece non dare questi soldi”. Percio’ “inseriamo dei meccanismi- insiste Sassoli– rendiamo il bilancio piu’ forte ma con delle condizioni sulla solidarieta’, che valgono sia per l’immigrazione che per le condizioni ambientali: chi investe su questo avra’ piu’ soldi dell’Europa”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:34
Print Friendly, PDF & Email