Tecnè: “Redditi sempre più poveri, potere eonomico -13% rispetto al 2007”.

di Luca Monticelli

E’ quanto si legge in un rapporto di Tecnè dal titolo “L’Italia del lavoro povero”.

La debolezza dei redditi medi degli italiani rappresenta più di ogni altro parametro la fragilità del paese e le ragioni alla base di una crescita lenta e affannata. Le dimensioni del problema sono particolarmente evidenti se si analizza il potere economico delle famiglie dei lavoratori (cioè, i redditi netti depurati del carico fiscale e contributivo, rivalutati al potere d’acquisto corrente). La stima per il 2018 colloca i redditi reali ancora abbondantemente sotto i livelli pre-crisi, il 13% più bassi rispetto al 2007, con una perdita di potere economico equivalente a 5.350 euro”. E’ quanto si legge in un rapporto di Tecnè dal titolo “L’Italia del lavoro povero”.

Nelle famiglie dove “il principale percettore di reddito è un lavoratore dipendente, la perdita di potere economico è di 4.180 euro l’anno, mentre se il riferimento è il segmento del lavoro autonomo il valore sale a 9.330 euro. Nel complesso, fatto 100 i redditi 2007, nel 2018 quelli dei dipendenti sono scesi a 89, quelli degli autonomi a 81. Il Mezzogiorno è l’area dove la perdita di valore del lavoro è stata maggiormente impattante. Il lavoro dipendente ha una contrazione pari a -18% nel Sud e -19% nelle Isole, mentre il lavoro autonomo, nelle stesse aree, registra un calo di potere economico del -24%. Anche il Centro Italia fa registrare una distanza considerevole dai livelli pre-crisi, con un calo dei redditi del 16% (l’equivalente di 6.830 euro l’anno in meno) nelle famiglie dei lavoratori dipendenti e dell’11% in quelle degli autonomi (-5.450 euro)”.

Nella perdita di potere economico dei lavoratori, spiega Tecnè, “hanno inciso in modo significativo la riduzione del monte ore lavorate e le trasformazioni della struttura occupazionale. Tra il 2007 e il 2013 l’economia italiana ha perso 4,2 miliardi di ore di lavoro. Il lento aumento degli anni successivi è, però, insufficiente a recuperare il terreno perduto e, al 2018, il deficit rispetto al periodo pre-crisi e di 2,3 miliardi di ore“.

L’industria (comprese le costruzioni) è il comparto che paga il prezzo più alto, perdendo complessivamente 2,6 miliardi di ore. La crescita delle ore lavorate nel comparto dei servizi (+0,5 miliardi di ore) non riesce, però, a compensare il saldo negativo dell’industria. Inoltre, il recupero avviene in settori a basso valore aggiunto”.

Eppoi c’è il carattere dell’occupazione che “cambia profondamente”, con la veloce crescita degli occupati a tempo parziale e il calo di quelli a tempo pieno. “Rispetto al 2007 gli occupati a tempo parziale sono cresciuti del 38% mentre quelli a tempo pieno sono diminuiti del 4%. D’altronde, la seppur modesta crescita del numero di occupati, in presenza di una consistente riduzione del monte ore di lavoro, è spiegabile soltanto con una riduzione delle ore lavorate pro capite.

Nonostante la riduzione dei redditi reali (e una modesta crescita di quelli nominali) il gettito erariale cresce più dei redditi. In particolare, le imposte indirette subiscono un’impennata a partire dal 2013. La pressione fiscale complessiva si mantiene su livelli molto elevati, raggiungendo il picco nel 2013 (44,1% del pil) e scendendo al 42,1% nel 2018, attestandosi quasi 8 punti sopra la media dei paesi Ocse”.

Infine, “al deterioramento del potere economico dei lavoratori ha contribuito anche la struttura della tassazione, occupata per due terzi da imposte sul reddito e dai contributi previdenziali e per un terzo dalle imposte sui consumi. Il fall-out dell’impoverimento dei lavoratori è particolarmente visibile nella riduzione dei consumi, inferiori del 5% ai livelli del 2007″.

“Nelle famiglie dove il principale percettore di reddito è un lavoratore dipendente la contrazione della spesa mensile, tra il 2007 e il 2018 è di 155 euro. La variazione si esprime prevalentemente nei consumi non alimentari dove il taglio è di oltre 600 euro l’anno soltanto per quanto riguarda il settore dell’abbigliamento e delle calzature. Per i lavoratori autonomi la spesa mensile è inferiore di 143 euro rispetto al 2007, con la contrazione più rilevante che riguarda, anche in questo caso, il non food e con tagli dei consumi che riguardano, prioritariamente, le spese per il vestiario ma anche le attività ricreative e il tempo libero. La principale voce di spesa, invece, che aumenta sia per gli autonomi che per i dipendenti è quella relativa al costo dell’abitazione, acqua, elettricità e gas. Se nel 2007 i lavoratori, in media, risparmiavano 77 euro ogni 1.000 di reddito, nel 2018 la quota è scesa a 32 euro”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:33
Print Friendly, PDF & Email