Sulle ali dei bit, smartphone a scuola sì o no? Due convegni per capire, 15 e 16 dicembre.

Mezzo potentissimo, no, elemento di distrazione, efficace strumento di studio, non imparano piùniente a memoria: a questi elementi di dibattito si cercherà di rispondere in due convegni al Liceo di Ceccano il 15 dicembre, al Liceo Varrone a Cassino il giorno dopo. Gli esperti si troveranno di fronte due scuole che utilizzano la cosiddetta metodologia BYOD (Bring Your Own device, porta il tuo dispositivo) Ciascun alunno viene a scuola con il proprio apparato e si collega alla rete ad alta velocità fornita dal consorzio GARR, tramite Edunet dell’Università di Cassino. In tal modo l’intera comunità scolastica viene digitalizzata e può utilizzare tutte le applicazioni appositamente dedicate alla scuola. Al convegno di Ceccano, che come quello di Cassino, ha come titolo Dal demonio all’acquasanta,  prenderanno parte Laura Biancato – dirigente MIUR Innovazione Tecnologica; Piero Malandrucco, dirigente USP Frosinone, Alberto Marinelli, docente di comunicazione Università La Sapienza, Roma; Stefania Farsagli, coordinatrice formazione PNSD Lazio, Noemi Fiorini, dirigente scolastico, Filomena De Vincenzo, dirigente scolastico, Pietro Alviti, animatore digitale. A Cassino il programma prevede gli interventi di Valeria Verrastro, dipartimento Scienze umane, Università di Cassino; Concetta Senese, dirigente scolastico; Stefano Cavese, esperto di reti informatiche; Damiano Pizzuti, presidente Ac Sirio, Piero Pelosi, animatore digitale
 
Ai relatori sananno presentati i risultati di una sondaggio in corso in questi giorni tra gli studenti delle due scuole sull’utilizzo, appunto, dello smartphone nella didattica.
 
Info 3358372762
 
 
grazie
 
 

Ufficio Comunicazione

Liceo Scientifico e Linguistico Ceccano
viale Fabrateria Vetus
03023 CECCANO
byod3.JPG (104 Kb)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Potrebbero interessarti anche...