STIRPE A RADIO UNO: “BARDI E’ UN NOSTRO VALORE, RESTA. PEREZ? FANTACALCIO. CONFIDIAMO NELLA GIUSTIZIA, VOGLIAMO GIOCARE IN CASA”.

L’Amministratore Unico del Frosinone, Maurizio Stirpe, intervistato questa mattina alle ore 11 a Radio Uno lo Sport. Il personaggio del giorno è il massimo dirigente del Frosinone. Le tante novità in casa giallazzurra, dallo Stadio sempre work’n progress alla tournée, passando per la sofferta ma fantastica promozione costituiscono innegabilmente un traino di immagine per il Club giallazzurro. E per Maurizio Stirpe arrivano, graditissimi, anche gli auguri di compleanno da parte dei conduttori Giorgio Matteoli e Francesco De Vena.

Nella sua intervista ha spaziato sul mondo-Frosinone e sul calcio in generale, toccando argomenti di mercato, il ritorno in A del Club giallazzurro, i propositi per la prossima stagione, la tournée in Canada che sta per terminare e immancabilmente l’arrivo in Italia di Cristiano Ronaldo. La Stella indiscussa che tra poco più di un mese farà visita con la Juve al ‘Benito Stirpe’ per la 5.a di campionato.

Presidente Stirpe, il Frosinone dovrà affrontare due gare in campo neutro. Una di queste in Coppa e l’altra in campionato…

«Speriamo davvero che non sia così. Abbiamo fatto ricorso al Collegio di Garanzia del Coni. Posso dire che sarebbe una ingiustizia che non meritiamo. Noi crediamo invece nella Giustizia e siamo fortemente fiduciosi in tal senso».

Il Frosinone è tornato nella massima serie per restarci a pieno titolo. Le aspettative sue e della Società per la prossima stagione?

«C’è molta attesa per questa nostra seconda esperienza in serie A, non neghiamo che ci saranno delle difficoltà ma faremo di tutto per tenerci stretto quello che abbiamo conquistato».

Il mercato è in piena attività, ci svela qualche mossa?

«Dovremo fare ancora cinque colpi. Intanto ieri (lunedi, ndr) è arrivato Hallfredsson. Dovremo prendere ancora un terzo portiere al posto di Vigorito perché, lo sottolineo, Bardi resta con noi, a meno che non arrivi un’offerta irrinunciabile per il ragazzo. Bardi è un nostro giocatore, con lui abbiamo un rapporto di lunga durata, è un valore per la nostra Società. Chi lo vuole, viene da noi e lo paga. Tornando al mercato in entrata dovremo prendere ancora un difensore centrale di esperienza, un esterno di destra, un centrocampista centrale e un attaccante».

A proposito di attaccante,  si sono fatti i nomidi Inglese e di Babacar. E quello dello spagnolo Luca Perez.

«Sono circolati diversi nomi, è vero. Perez? Semplicemente fantacalcio per il Frosinone. Posso dire che ci sono diverse trattative in piedi e che i prossimi giorni saranno decisivi per arrivare alla scelta dell’attaccante».

In Italia è sbarcato Cristiano Ronaldo. Campionato sempre più stellare. Cosa ne pensa?

«Aspettiamo il suo arrivo. Nessuno avrebbe mai creduto di poter ospitare da avversario un calciatore cinque volte Pallone d’Oro nel nostro stadio. Anzi, fino a qualche anno fa la cosa era classificabile come ‘chimera’. Speriamo di essere all’altezza di una grande ospitalità, facendoci valere sul campo».

Presidente, lei è persona molto riservata. Ma oggi oltre ad essere il compleanno di Daniel Ciofani è anche il suo…

«Meglio non pensarci agli anni che corrono, Daniel invece è ancora un ragazzino. Sono 15 anni che faccio calcio, un quarto della mia vita».

E il Frosinone in Canada?

«Sono a conoscenza di un ritiro molto positivo sotto tutti i punti di vista. In Canada c’è una grande Comunità ciociara, una Comunità che ci ha accolto in maniera fantastica. E tra qualche ora i ragazzi saranno qui a Frosinone. Perché stavolta si parte per la stagione ufficiale…».

Giovanni Lanzi

www.frosinonecalcio.com

Potrebbero interessarti anche...