SPAZIO. SONDA DAWN AL TRAMONTO, DOPO 11 ANNI NELLO SPAZIO PROFONDO.

IMPORTANTI NOVITA’ SUL PIANETA NANO CERERE (DIRE) Roma, 16 lug. “La sonda spaziale Dawn della NASA, a cui l’Italia contribuisce con un significativo contributo scientifico grazie all’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e il supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), si prepara a concludere, dopo 11 anni, la sua missione, la cui durata, grazie agli importanti risultati raggiunti, e’ stata estesa due volte. La sonda comunque continuera’ ad esplorare e raccogliere immagini e altri dati anche durante queste ultime fasi di vita. Entro pochi mesi si prevede che Dawn esaurira’ il carburante principale, l’idrazina, che le permette di controllare il suo posizionamento e la mantiene in comunicazione con la Terra. Quando cio’ accadra’, probabilmente tra agosto e ottobre, la navicella smettera’ di funzionare ma rimarra’ in orbita attorno al pianeta nano Cerere”. Cosi’ in un comunicato l’Agenzia spaziale italiana. “Dawn e’ l’unico veicolo spaziale ad aver orbitato attorno a due destinazioni distinte dello spazio profondo- commenta Raffaele Mugnuolo responsabile ASI per la missione Dawn- e ci ha dato vedute ravvicinate di Cerere e Vesta, i corpi piu’ grandi tra gli asteroidi che si trovano nella fascia tra Marte e Giove. Durante 14 mesi in orbita dal 2011 al 2012, Dawn ha osservato e studiato Vesta dalla sua superficie al suo nucleo. In seguito ha effettuato una manovra senza precedenti abbandonando l’orbita e viaggiando attraverso la fascia principale degli asteroidi per piu’ di due anni per raggiungere e orbitare attorno a Cerere, che ha poi osservato dal 2015″.

“Su Cerere, la navicella spaziale ha scoperto depositi brillanti di sale che decorano il pianeta nano come un’infarinatura di diamanti. Ma i risultati scientifici che ne sono scaturiti sono ancora piu’ avvincenti: i punti luminosi- prosegue il comunicato- sono la prova di un oceano brillante i cui resti congelati, principalmente carbonato di sodio e cloruro di ammonio, sono esposti sulla superficie. La scoperta delle macchie, ora chiamate faculae, ha fornito un solido sostegno all’idea che Cerere possedesse un tempo un oceano globale, garantendogli un posto nella schiera dei mondi oceanici del Sistema solare che comprende anche diverse lune di Giove e Saturno. Tali scoperte sono state alimentate dalla grande efficienza della propulsione ionica. Dawn- continua ancora la nota- non e’ stata la prima sonda ad utilizzare la propulsione ionica, familiare ai fan della fantascienza e agli appassionati di spazio, ma ha spinto questa tecnologia fino ai suoi limiti di prestazioni e resistenza. In questi giorni, alla fine della seconda estensione della missione, Dawn continua a stupirci di settimana in settimana, con fotografie di Cerere molto ravvicinate, scattate da sole 22 miglia (35 chilometri) dalla superfice (circa tre volte l’altitudine a cui normalmente viaggia un aereo passeggeri)”. “Lo spettrometro italiano VIR sta tuttora acquisendo dati da bassa quota, che risultano essere i dati a piu’ alta risoluzione spaziale finora acquisiti della superficie di Cerere. I nuovi dati- dice Maria Cristina De Sanctis, principal investigator dello strumento VIR- insieme a quelli degli altri strumenti, aiuteranno a capire meglio la formazione delle zone chiare ricche di carbonati caratteristiche della superficie di Cerere”.

Anche se Dawn sta per concludere la propria missione, ulteriori scoperte scientifiche sono in arrivo. Oltre alle immagini ad alta risoluzione, la sonda raccoglie informazioni da diversi spettri, misure del flusso di raggi gamma e neutroni, riprese nell’infrarosso e visibile, nonche’ dati sulla gravita’. Le osservazioni- sottolinea il comunicato- si concentrano sull’area attorno ai crateri Occator e Urvara, con l’obiettivo principale di comprendere l’evoluzione di Cerere e verificare, come ipotizzato, se vi sia attivita’ geologica in corso sul pianeta nano, la cui superficie sembra essere modellata dagli impatti con altri asteroidi”. “La missione Dawn- conclude la nota- e’ gestita dal Jet Propulsion Laboratory (JPL) per il Science Mission Directorate di Washington della NASA. Dawn e’ un progetto del Discovery Program, gestito dal Marshall Space Flight Center in Huntsville, Alabama della NASA. Il JPL e’ responsabile scientifico generale della missione. Lo spacecraft e’ stato progettato e costruito da Orbital ATK, Inc., di Dulles, Virginia. Il Centro aerospaziale tedesco, l’Istituto Max Planck per la ricerca sul sistema solare, l’Agenzia Spaziale Italiana e l’Istituto Nazionale di Astrofisica Nazionale sono partner internazionali del team di missione. Lo spettrometro VIR e’ stato realizzato dalla societa’ Leonardo con il finanziamento e coordinamento dell’ASI e la supervisione scientifica dell’INAF”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Potrebbero interessarti anche...