SOPRALLUOGO DELLA SOVRINTENDENZA SUL PONTE CROLLATO.

Trevi Nel Lazio / Il ponte non è antico e va demolito di ciò che rimane

Nei giorni scorsi il Sovrintendente ai Beni Paesaggistici del Comune di Roma dott.Occhetti, ha effettuato un sopralluogo per verificare la situazione del Ponte che conduce alla cascata di Comunque, in parte crollato lo scorso marzo a causa degli eventi atmosferici. Con lui erano presenti il Sindaco di Benne, il Vice Sindaco di Trevi Nel Lazio e tecnici del Parco Naturale dei Monti Simbruini. Il dott. Occhetti ha dato disposizione di abbattere ciò che resta del Ponte crollato, in quanto non è antico e non ha alcuna rilevanza storica e di lasciare solo le sponde laterali. Decisione che conferma quello affermato nei mesi scorsi dal Sindaco di Trevi Nel Lazio Silvio Grazioli, e cioè che il ponte venne realizzato nel 1902, a servizio dell’adiacente centrale idroelettrica che forniva corrente elettrica al Comune di Anagni e di Fiuggi. “È importante ora che si avviano gli interventi di recupero del Ponte -ha commentato il Sindaco Grazioli- per permettere ai tanti visitatori di godere di questo splendido scorcio naturale. Non posso che esprimere soddisfazione per l’analisi fatta dalla Sovrintendenza circa l’antichità del ponte, in risposta ai tanti “saccenti” che criticavano le mie considerazioni sottolineando che il ponte era di epoca romana. Considerando che tra questi vi erano ex amministratori, invito ad informarsi per evitare queste figuracce, è chiaro che per amministrare un territorio è bene conoscerne la sua storia”.

il Sindaco di Trevi Nel Lazio Silvio Grazioli

Visite: 30

Potrebbero interessarti anche...