Sieme fatte accusì di Paolo Colapietro.

SIEME FATTE ACCUSI’
di Paolo Colapietro

Na zitella, né bella né brotta,
se cecaua a cercà ‘ne marite,
ma niciune, fra tante partite,
se ‘nzugnaua a piglarse ‘sa côtta.

I passaua, sta pôra zitella,
l’ore sane denanze aglie sperchie,
a ‘ncepriarse glie nase i le recchie,
a ‘mbrattarse pe’ farse chiù bella.

Se ‘ngreccheua, studiaua la posa,
se mustraua de côre i curtese,
ma niciune, pe’ chiglie paese,
se muûeva a pigliarla pe’ sposa.

Se diceune amiche i cummare:
“Che sfortuna che tè sta puraccia,
è ben fatta de corpe i de faccia,
ma niciune la porta agli’altare!”

Piace assaie se ride o se parla,
è de chiesa, educata, è ‘struita….
ma niciune alle nozze la ‘nvita,
niciun’ôme è disposte a spusarla…

Quanta pena che fa ‘sta purella
che remane pe’ forza zitella!
Ste penziere ce accora, ce strazzia..
Ce facesse, glie ciele, sta grazzia!

Ma ‘ne giorne ‘ucine a Natale,
se sparia ‘na uoce curiosa:
la zitella addauere se sposa
cu ‘ne braue ‘mpiegate statale.

Miegl’e assai se nen fusse succiese!
Succedì ‘ne subbuglie ‘mpaese:
s’arrenchirne piazzette e pagliare
de “cumizzie” d’arcigne cummare:

“Fuss’accisa ‘sta uecchia babianta
sta racchiona che marcia ‘ncappieglie!
S’è truccata da monaca santa
Pe’ purtarse a casa glie mierglie!

Guarda tu che fortuna è tenuta
sta uecch’accia balorda i futtuta!
Manche nuje sapéme addì come
è rescita a ‘mbruglià ste por’ôme!…

Brotta zénghera, gobba i sciancata….
E’ spusata!…. E’ spusata!…. E’ spusata!….

Visite: 209