SICCITÀ. IL PO È IN SECCA COME SE FOSSE GIÀ FERRAGOSTO.

(DIRE) Bologna, 25 mar. – Pregare il cielo perche’ venga a piovere per evitare che succeda come nel 2017, “uno degli anni peggiori del secolo” che ha causato due miliardi di euro di danni all’agricoltura. Se la pioggia poi scendesse “a lungo e in modo costante”, sarebbe ancora meglio per gli agricoltori dell’Emilia-Romagna che da mesi stanno aspettando l’arrivo del maltempo, mentre invece la situazione e’ allarmante: quest’inverno e’ caduto il 40% di acqua in meno.
Ad esempio, a Boretto, in provincia di Reggio Emilia, oggi la portata del fiume e’ di 554 metri cubi al secondo; mentre a Ferragosto era di 679. Lancia l’allarme Coldiretti Emilia-Romagna che ha analizzato i dati Arpae: la situazione, resa difficile dal caldo e dalla siccita’, ha “reso secchi i boschi, senza neve le montagne e asciutti invasi, fiumi e laghi ma sono compromesse anche le riserve nel terreno, nel momento in cui l’acqua e’ essenziale per le coltivazioni”, scrive Coldiretti in una nota.
In pericolo ci sono “le semine primaverili di granoturco, barbabietole, riso e pomodoro nei terreni aridi”, perche’ se da un lato il ‘bel tempo’ ha permesso agli agricoltori di poter preparare il terreno, dall’altra i semi non sono germogliati a causa di una scarsa umidita’ del terreno.

Agenzia DIRE www.dire.it

Visite totali:22
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...