SEA WATCH. TRIA: PAGINA FB CON INSULTI NON È DELLA GDF.

MINISTRO CONDIVIDE LINEA SEVERITÀ E FERMEZZA DI FIAMME GIALLE (DIRE) Roma, 10 lug. – Il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, e’ stato informato dal vertice della Guardia di Finanza delle notizie di stampa relative a una pagina Facebook chiusa contenente minacce e commenti aggressivi riferibili al caso Sea Watch. Il vertice del corpo fa sapere che la Procura della Repubblica di Roma e’ stata immediatamente informata perche’ avvii un’indagine tempestiva. La pagina Facebook su cui sono apparsi tali commenti non e’ in alcun modo riconducibile ne’ al sito ufficiale della Gdf ne’ al suo periodico, Il Finanziere. L’amministratore della pagina e’ un brigadiere in congedo dal 1996. Gli autori degli esecrabili commenti sono circa 80: si deve ovviamente verificare se tra di essi ci siano militari in servizio. In ogni caso, una volta accertate le responsabilita’, si procedera’ nei loro confronti con il massimo rigore a termine di legge. Il ministro Tria condivide la linea di severita’ e fermezza adottata dal vertice della Gdf.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite: 60