SCUOLA. RENZI: DEVE RIPARTIRE, TEST OBBLIGATORI E VACCINO PER I PROF.

(DIRE) Roma, 30 ago. – “Se la scuola ce la fara’ ad aprire per il 14 settembre? Ce la deve fare. C’e’ un aumento dei contagi, fisiologico, ma non dei morti. Bisogna conviverci. Il virus non sara’ sconfitto per mesi e chi continua a vivere di paura non si rende conto che si rischia di morire di fame”. Cosi’ in un’intervista a “La Stampa” il leader di Italia Viva, Matteo Renzi. Test obbligatori per i professori? “Assolutamente si’- dice l’ex premier- Di cosa hanno paura, di un prelievo? I professori devono fare test e tamponi, e anche il vaccino”. E aggiunge: “Ho stima per la categoria dei docenti, ma se farmacisti netturbini e cassiere lavorano da febbraio, non vedo perche’ i docenti debbano continuare a stare a casa”. La scuola, sottolinea il leader Iv, “e’ la madre di tutte le battaglie in questa fase, insieme al lavoro. Penso che oggi sia fondamentale dare tutti una mano perche’ riparta”. E sulla sfiducia chiesta dalla Lega per la ministra dell’Istruzione Azzolina, Renzi risponde: “Penso che oggi sia fondamentale dare tutti una mano perche’ la scuola riparta. I conti di solito si fanno alla fine. Qui si faranno all’inizio. Dopo la riapertura”. Infine un pronostico sulle elezioni Regionali: “Italia Viva andra’ molto bene. La cartina di tornasole sara’ il teatro di battaglia nazionale del seggio senatoriale di Sassari. Era dei Cinque stelle, che oggi col Pd candidano un ingegnere grillino. Noi invece un ottimo professionista, l’avvocato Marras, che puo’ fare un grande risultato”. Italia viva “sara’ misurata dal risultato in Toscana e Campania ma anche in Sardegna: la grillinizzazione del Pd e’ un’occasione per noi che non vogliamo morire leghisti e neanche vivere grillini”.

Agenzia DiRE www.dire.it

Visite: 145

Potrebbero interessarti anche...