SCUOLA. CISL: PAROLE AZZOLINA FUORI LUOGO, NASCONDE LIMITI SUA GESTIONE.

(DIRE) Roma, 21 ago. – “Veramente fuori luogo la polemica voluta e cercata dalla ministra Azzolina, con un attacco insensato ai sindacati sorretto anche da un uso disinvolto dei dati e, almeno per quanto ci riguarda, da un’evidente distorsione del nostro pensiero. Mi chiedo che bisogno aveva di spostare l’attenzione su un tema, quello dei concorsi, che non e’ affatto centrale e prioritario in questo momento, ma forse l’intento e’ proprio quello di distrarre l’attenzione dai limiti sempre piu’ evidenti della sua gestione. Che ci siano tantissimi neolaureati in procinto di partecipare ai concorsi e’ una scoperta dell’acqua calda, mentre e’ sorprendente che la ministra dimentichi di aver bandito, insieme a un concorso ordinario, anche un concorso riservato a quei precari con almeno tre anni di esperienza, che ovviamente non possono essere mezzo milione. È invece una vera falsita’ sostenere che noi saremmo contrari al reclutamento attraverso concorsi. Procedure concorsuali ordinarie, affiancate da procedure per titoli che valorizzino l’esperienza accumulata in anni e anni di precariato, sono esattamente cio’ che la CISL Scuola propone da tempo come sistema di reclutamento su cui puntare, fuori da ideologismi e mitizzazioni tipiche di una politica di sola immagine, che sventolando una malintesa meritocrazia ha finito solo per far crescere in modo esponenziale il ricorso al precariato”. Cosi’ in una nota la segretaria della Cisl Scuola, Maddalena Gissi, a proposito delle parole della ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina affidate a Repubblica secondo la quale da parte del sindacato ci sarebbe una “resistenza al cambiamento”.

“Quanto ai sindacati che remano contro- prosegue Gissi– sono mesi che chiediamo al Governo e alla ministra di remare con piu’ vigore verso l’obiettivo di una riapertura in sicurezza delle scuole, obiettivo su cui bisognerebbe oggi concentrare attenzione e energia, senza alimentare polemiche fuori luogo. Sarebbe anche l’unico modo per evitare quelle tensioni cui la Ministra allude, senza capire che laddove si manifestassero sarebbero solo il frutto di una troppo prolungata inconcludenza rispetto a problemi da tempo sul tappeto e sui quali abbiamo piu’ volte sollecitato sedi di confronto e offerto indicazioni e proposte. Cio’ sta generando una situazione di incertezza, confusione e preoccupazione diffusa, in primo luogo tra gli utenti del servizio scolastico: se ne colgono segnali da piu’ parti e ogni giorno di piu’. Ecco perche’ la Ministra farebbe meglio a risparmiarsi e a risparmiarci sortite polemiche del tutto fuori luogo. Parlare meno e remare di piu’. E rimanendo in tema di metafore marinare: condurre una nave e’ cosa ben diversa dal volerne solo mostrare a tutti i costi la bellezza. Schettino insegna”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 194

Potrebbero interessarti anche...