SANREMO. D.i.RE: SCUSE DEL DIRETTORE NON CI BASTANO.

VELTRI: LA RAI USI I SOLDI DEI CONTRIBUENTI PER PERCORSO FORMAZIONE CON I CAV (DIRE) Roma, 20 gen. – “Se deve essere il Sanremo delle donne, allora la RAI sostituisca Amadeus e non permetta a Junior Cally di calcare il palcoscenico”. Lo afferma in una nota Antonella Veltri, presidente di D.i.Re Donne in rete contro la violenza. “La rappresentazione della donna bellissima che sa stare un passo indietro- prosegue Veltri- ci rispedisce agli anni Cinquanta, eppure e’ cosi’ che il direttore ‘artistico’ ha motivato la scelta delle co-conduttrici facendo di Sanremo l’ennesimo stereotipo di cui non abbiamo bisogno”. Aggiunge Mariangela Zanni, consigliera D.i.Re del Veneto: “Non crediamo a fraintendimenti se Amadeus considera artista degno di Sanremo il rapper Junior Cally, che in una delle sue canzoni denigra la donna ed inneggia al femminicidio e di cui anche Marcello Foa ha chiesto il ritiro. Il servizio pubblico non puo’ dare spazio a un rapper come Junior Cally, in un paese dove una donna muore ogni 2 giorni per mano di un uomo, dove 1 donna su 3 ha subito violenza, nella maggioranza dei casi da parte del partner, dove il linguaggio sessista e violento e’ legittimato anche da quella politica che oggi ci dice che le violenze vanno bene se fatte a casa propria. È ora di smetterla”. Continua la presidente Veltri: “Il ‘Sanremo delle donne’ appare piu’ che altro una trovata pubblicitaria, una formuletta dietro la quale la cultura patriarcale ripropone una visione delle donne tradizionale che non corrisponde piu’ alla realta’, anche senza tirare in ballo il femminismo. Proponiamo piuttosto alla Rai di usare i soldi dei contribuenti per un percorso di formazione con i centri antiviolenza su stereotipi di genere, sessismo, linguaggio non violento e rappresentazione di genere- conclude- per non ritrovarci mai piu’ davanti a uno spettacolo come quello annunciato per Sanremo 70”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:46
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...