SANITA’. CIACCIARELLI (FI): “IL POLO ONCOLOGICO REGINA ELENA DI ROMA NON VA DEPOTENZIATO! HO PRESENTATO UN’INTERROGAZIONE A ZINGARETTI. SI TRATTA DÌ UN PUNTO DÌ RIFERIMENTO IMPORTANTE PER TANTI MALATI DÌ TUMORE, ANCHE DELLA NOSTRA PROVINCIA. ”

“Con l’approvazione del nuovo atto aziendale, Zingaretti e compagnia intendono depotenziare il polo oncologico Regina Elena di Roma, un’eccellenza nella cura dei tumori, oltre che un punto di riferimento fondamentale per i malati del Lazio e della provincia di Frosinone, gravemente colpita da questo tipo di patologie.  Un altro schiaffo all’offerta sanitaria che la Regione eroga ai cittadini. Già nel 2015 c’era stato il ridimensionamento a soli due dipartimenti a a causa della riduzione dei reparti clinici, ed oggi, pertanto, con l’abolizione della UOC di Chirurgia Digestiva ed il declassamento della UOC di Neurochirurgia a struttura semplice, già in carenza di organico, la struttura viene ulteriormente penalizzata. Le centinaia di migliaia di malati di cancro del Lazio sono fortemente svantaggiati rispetto a quelli delle altre regioni del Nord e del Centro Italia, pertanto, sono costretti, se ne hanno la possibilità, ad emigrare per ricoveri e cure adeguate. A questi pazienti ed alle loro famiglie la Regione Lazio deve dare una risposta. A motivo di ciò ho presentato un’interrogazione a Zingaretti per sapere che cosa intende fare per scongiurare assolutamente il depotenziamento dell’ospedale Regina Elena di Roma, punto di riferimento per tanti malati della provincia di Frosinone.”

Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio Pasquale Ciacciarelli, Forza Italia/ Laboratorio Lazio per il cambiamento. 

Visite totali:30
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...