SANITÀ. ASL RIETI: PRIMA AZIENDA NEL LAZIO AD AVERE SISTEMA UPTODATE.

(DIRE) Roma, 15 lug. – UpToDate e’ una risorsa di supporto decisionale in campo clinico con un impatto migliorativo sulla cura del paziente e sulla qualita’ dell’assistenza, basata su prove di efficacia (i cui contenuti sono curati da un team di oltre 6.500 medici-autori di tutti i Paesi del mondo) e che ha come obiettivo quello di aiutare i professionisti sanitari a prendere in modo rapido le decisioni migliori per la cura del paziente. L’innovativo Sistema e’ stato adottato dalla Direzione Aziendale della Asl di Rieti nel quadro delle iniziative per la digitalizzazione, il miglioramento della qualita’ delle cure e per una maggiore precisione diagnostica. La richiesta da parte del personale clinico di una soluzione che potesse offrire supporto decisionale su problematiche meno conosciute e su patologie complesse direttamente al letto del paziente, si e’ accompagnata alla necessita’ di inserire tale soluzione nella Cartella Clinica Elettronica, gia’ in uso presso l’ospedale de’ Lellis di Rieti. E quello della Asl di Rieti, e’ il primo caso nella regione Lazio di integrazione di UpToDate con la cartella clinica elettronica. UpToDate e’ in grado di integrare la cartella elettronica del paziente con un set di informazioni specifiche che in qualsiasi momento consente al personale clinico di avere un quadro completo del suo stato di salute, comprese le informazioni e le raccomandazioni cliniche e farmacologiche necessarie per prendere le decisioni sul caso specifico. Queste informazioni sono acquisibili rapidamente dal personale clinico tramite Pc, Smartphone o Tablet. I fattori determinanti, segnalati dai medici, che hanno portato la Direzione Aziendale ad utilizzare UpToDate sono stati la qualita’, la praticita’ e la velocita’ nell’acquisizione d’informazioni in fase diagnostica e terapeutica, oltre che la possibilita’ di accedere alla risorsa sia dalla cartella clinica elettronica sia in modalita’ ‘stand-alone’ tramite Pc, Smartphone o Tablet. Lo scrive in una nota l’Asl di Rieti.

 “Rendere accessibili agli operatori sanitari le migliori evidenze disponibili sulla efficacia e sicurezza degli interventi sanitari- sottolinea la dottoressa Marina Davoli direttore DEP (Dipartimento Epidemiologia della Regione Lazio- e’ essenziale per migliorare la qualita’ delle cure, ridurre l’inappropriatezza e migliorare l’equita’ di accesso alle cure”. “Nell’ultimo anno, l’utilizzo di questo sistema all’interno della nostra Azienda, e’ cresciuto diventando un punto di riferimento quotidiano di lavoro per circa 4mila e 500 operatori sanitari aziendali- continua il Direttore Generale della Asl di Rieti Marinella D’Innocenzo- Importante e’ sottolineare che si tratta di una delle migliori soluzioni per supportare l’attivita’ quotidiana del personale sanitario e per garantire una migliore efficienza all’intero percorso diagnostico e terapeutico del paziente. Ancor piu’ importante l’inserimento di tale soluzione nella cartella clinica elettronica, gia’ in uso presso il nostro ospedale, che fa della nostra Azienda la prima Asl del Lazio ad aver avviato questo importante processo di integrazione digitale”.
Agenzia DiRE  www.dire.it
Visite: 103