SANITA’. ADRIANI (GEMELLI ROMA): DOLORE GINOCCHIO, PRIMA PERCORSO CONSERVATIVO.

“SE POI NECESSARIO INTERVENTO DI PROTESI PRIVILEGIARE MONOCOMPARTIMENTALE”

Roma – Il dolore al ginocchio puo’ essere un problema comune e coinvolgere persone di qualsiasi eta’ ma dietro qualche fastidio puo’ celarsi un problema piu’ importante che non va sottovalutato. Anche perche’ la precocita’ d’intervento, conservativo o chirurgico, e’ essenziale al superamento del problema. Per capire quali sono le novita’ nel campo chirurgico e protesico che riguardano il ginocchio l’agenzia di stampa Dire ha raggiunto via skype il Professor Ezio Adriani, Direttore del Centro di Traumatologia dello sport e Chirurgia del ginocchio del Policlinico A. Gemelli IRCCS di Roma.
– Danno articolare e dolore al ginocchio. Quali possono essere le
cause e i sintomi da non sottovalutare?
“Le cause del danno articolare sono dovute soprattutto ad un
sovraccarico che usura le nostre articolazioni ed in particolar modo la cartilagine che e’ l’elemento anatomico piu’ importante. Il sovraccarico puo’ originarsi sia per un’attivita’ lavorativa, per eccesso ponderale, per traumi e per genetica cioe’ dipende dalla conformazione delle nostre articolazioni e del carico che queste andranno a subire nel corso della vita. I primi sintomi quando si verifica l’usura della cartilagine a cui stare attenti sono il dolore e la presenza di un liquido all’interno dell’articolazione. Questo e’ il segnale che qualcosa si sta modificando e il paziente ha difficolta’ a svolgere le normali attivita’ quotidiane come scendere le scale, stare seduto a lungo e ovviamente la perdita del movimento mentre l’articolazione, in condizioni normali, deve muoversi. La perdita di movimento allora anche solo di pochi gradi modifica quelle che sono le nostre performance nelle attivita’ sia quotidiane che sportive”.
– Quando e’ necessario sottoporsi all’intervento? E quali sono oggi le tecniche chirurgiche piu’ innovative?
“Prima di sottoporsi ad un intervento chirurgico bisogna fare una
diagnosi e capire quali sono le cause del problema. Successivamente si puo’ intervenire seguendo prima un percorso conservativo al fine di preservare il piu’ possibile le
articolazioni. Se ci si trova davanti alla rottura di una struttura che deve essere riparata pensiamo ad un menisco, un crociato, una cartilagine bisogna intervenire subito. Se e’ necessario sostituire una struttura usurata si effettua prima un percorso conservativo che prevede una serie di cambiamenti negli stili di vita. Innanzitutto perdere peso, praticare un’attivita’ sportiva meno aggressiva e fare movimento. Eseguire una corretta fisioterapia che possa aiutare nel percorso e a ridurre il dolore e poi pensare a delle infiltrazioni eseguite dall’ortopedico che possono essere composte da acido ialuronico, sostanza che lubrifica l’articolazione consentendo un movimento piu’ fluido oppure possono essere composte da cortisone che riduce l’infiammazione. Se non bastasse si puo’ ricorrere a delle
infiltrazioni avanzate. Mi riferisco a quelle che erroneamente
vengono definite cellule staminali e che invece sono sostanze
presenti nel sangue, nel midollo e nel tessuto adiposo che possono aiutare a ripristinare quello che e’ l’equilibrio articolare. Tutto questo ci aiuta nel percorso conservativo maquando tutto queste procedure dovessero fallire e sussiste un indicazione corretta, quando si verifica una perdita delle rime articolari, allora il chirurgo deve intervenire”.
Si sente parlare di osteotomia, di cosa si tratta e quali sono
i benefici per il paziente?
“Certamente, prima di pensare ad un impianto di protesi e’
necessario intervenire e provare a correggere le deformita’.
L’osteotomia non e’ altro che una frattura, un taglio dell’osso.
Se e’ presente una struttura articolare che e’ deviata in varo,
il ginocchio a forma di O tipico degli uomini o in valgo, le
tipiche ginocchia a forma di X delle donne e’ chiaro che entrambe
le tipologie di strutture porteranno ad una usura maggiore di
compartimenti, rispettivamente interno ed esterno e questo
provoca nel paziente dolore ed infiammazione. Lo specialista puo’
intervenire correggendo questi assi. Come? Facendo un taglio
della tibia o del femore, a seconda della deformita’ per andare a
ricreare l’asse giusto. Oggi e’ possibile ricorrere a metodiche
molto avanzate grazie a ricostruzioni al computer che ci
permettono di essere precisi al grado di correzione”.
– La protesi del ginocchio puo’ essere parziale o totale. Qual e’
il criterio che guida lo specialista nella scelta? E c’e’ necessita’ dopo anni di essere sostituita oppure no?
“Una volta che il patrimonio di cartilagine e’ stato consumato
nonostante il paziente abbia messo in atto tutti i meccanismi di
protezione e’ chiaro che ci si trova davanti ad un ginocchio con
la rima articolare completamente consumata. Questo impedira’ a
quel ginocchio di muoversi. Oggi le soluzioni sono molto avanzate
ed infatti consentono di sostituire l’articolazione anche non
completamente. Se il soggetto presenta una usura completa allora
si puo’ pensare a fare una protesi totale. Cos’e’ la protesi? E’
la sostituzione della cartilagine dello spazio articolare e cioe’
viene incapsulato il femore e la tibia e in mezzo si inserisce
una componente di plastica particolarmente resistente di politilene. E questa puo’ essere totale quando coinvolge entrambi i componenti dei compartimenti del ginocchio, mediale e laterale oppure parziale quando e’ rovinato un solo compartimento. A questo punto si parla di protesi monocompartimentale. La ridotta invasivita’, restituisce un intervento meno cruento e relativa riabilitazione molto rapida. Per questo quando e’ possibile ricorrere alla monocompartimentale e’ da preferire perche’ superiore alla totale in quanto permette di mantenere i legamento crociati cosa che non e’ possibile perseguire con la protesi totale. Per cui il paziente con protesi parziale avra’
sicuramente una performance nel suo utilizzo superiore a quella
totale. Cio’ non e’ sempre possibile e dunque vanno sempre
rispettate le indicazioni in quei casi di protesi totale il chirurgo deve essere molto preciso per farle durare perche’ sappiamo che una protesi dura tanto piu’ viene correttamente posizionata. Le novita’ sono i sistemi di navigazioni che consentono precisione, anche nell’osteotomia, e permettono di fare tagli precisi grazie ad avanzati sistemi di robotica entrata ormai nella chirurgia protesica. Il vantaggio e’ anche la riduzione al minimo degli errori tecnici. Inoltre dall’ultimo studio pubblicato lo scorso anno sulla rivista Lancet conferma che le protesi rimangono ancora in sede dopo 25 anni nell’82% delle protesi totali e nel 70% delle protesi monocompartimentali”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 97