Sabato 23 novembre, ore 18,00 presso la libreria Universitas di Sora non sarà la presentazione di un libro ma uno di quegli incontri da non perdere.

Per la meravigliosa bellezza del testo e per il piacere – non scontato – che si prova nell’ascoltare l’autrice.

Al suo esordio nella narrativa la filologa classica Antonella Prenner (docente di Storia e letteratura latina presso l’Universita’ degli Studi di Napoli – Federico II) ci consegna “Tenebre”, un romanzo storico ricco di suggestioni, pieno di rimandi storici documentati in modo puntuale, di ricostruzioni ambientali colte e raffinate, e di un’umanità, quella del protagonista ed io narrante della lunga vicenda, Marco Tullio Cicerone, che è la vera scoperta originale del libro.
La scrittrice ha usato un espediente letterario, quello del dialogo immaginario tra l’ormai anziano senatore, e sua figlia, la dolce Tulliola, morta di parto nel dare alla luce un bambino che non le sopravvisse che poche ore.

Le vicende narrate da Cicerone sono quelle relative al periodo incandescente della Res Publica all’indomani delle Idi di marzo del 44 a.C., quando Giulio Cesare fu pugnalato dai congiurati che volevano la morte di chi aveva osato abbattere la libertà.

La ricchezza delle informazioni, la conoscenza della storia, della lingua, dei testi, degli snodi politici, che hanno caratterizzato un punto fondamentale dell’evoluzione delle istituzioni romane nel passaggio dalla repubblica all’impero, aleggiano nelle pagine del romanzo.

Emergono personaggi noti, Marco Bruto, Cassio Longino, il nemico Marco Antonio, la scaltra Cleopatra, e figure minori ma molto presenti nella vita di Cicerone, l’amato liberto Tirone, Attico con cui si scambia lettere continue, l’odiato genero Dolabella, il figlio Marco studente in Grecia, la moglie Terenzia ormai lontana. Nel libro ritroviamo luoghi noti della toponomastica del tempo, ville patrizie dagli straordinari affreschi, mosaici, ornamenti, a Pompei, a Baia, a Formia. Riviviamo come in un film il gelo degli inverni a stento stemperati da bracieri sempre ardenti, da lucerne accese nello studio dove nascono i capolavori di oratoria di Cicerone, i cibi caldi, le zuppe di farro, le focacce al rosmarino appena sfornate, le pesche al miele che giungono dalla Campania servite da schiavi fedeli e invisibili.
Insomma un grande affresco pieno di colori, di voci, di atmosfere, di scontri, di amicizie, di affetti grandi: al centro di tutto infatti, l’umanità di un padre che avendo perso l’unica figlia, la diletta Tulliola, pensa che per la vita non valga più la pena di combattere, rassegnato ad offrire il collo agli assassini, come il sogno profetico gli aveva annunciato.

Un lavoro importante, quello di Antonella Prenner, dove si respira l’amore per il mondo antico, per i luoghi dove la tragedia si è consumata, quei luoghi amati dall’autrice che li vive nel quotidiano, li conosce e ce li fa conoscere ed amare.
E’ attraverso libri come questo che la storia del passato riesce a parlarci e a rivivere. E di storia e memoria del passato abbiamo oggi estremo bisogno.

Libreria Universitas, sabato 23 novembre, ore 18.00

Sedici anni di esistenza e resistenza.
Il piacere di stare insieme

Visite: 147