ROMA. A UN ANNO DA CROLLO, DOMANI BENEDIZIONE TETTO SAN GIUSEPPE FALEGNAMI.

(DIRE) Roma, 29 ago. – Il 30 agosto 2019 ricorre un anno dal crollo della copertura di San Giuseppe dei Falegnami al Foro Romano. In questi dodici mesi, l’Ufficio edilizia di culto e beni culturali del Vicariato di Roma ha coordinato i lavori di restauro della chiesa per restituire questo prezioso luogo di culto alla citta’. I risultati fin qui ottenuti saranno condivisi nella giornata di venerdi’ attraverso una straordinaria apertura del cantiere, dalle ore 10 alle ore 18. Il via con il rito di benedizione della nuova copertura, presieduto da monsignor Daniele Libanori, vescovo ausiliare per il settore Centro e rettore della chiesa, di cui e’ titolare il cardinale Francesco Coccopalmerio. I cittadini, i rappresentanti delle istituzioni e i giornalisti che desiderano partecipare all’evento, saranno accompagnati nel corso della visita da un team di professionisti che illustrera’ le fasi di avanzamento dei lavori. A pochi giorni dal crollo, i tecnici dell’Ufficio edilizia di culto e beni culturali hanno predisposto e seguito le attivita’ di sgombero delle macerie, messa in sicurezza e il contestuale riconoscimento, recupero e catalogazione delle parti lignee del cassonettato e della struttura di copertura crollate; operazioni svolte sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza Speciale Archeologica Belle Arti e Paesaggio di Roma, e secondo le indicazioni della Procura di Roma, che ancora oggi sta svolgendo le sue attivita’.

Il 30 agosto 2019 ricorre un anno dal crollo della copertura di San Giuseppe dei Falegnami al Foro Romano. In questi dodici mesi, l’Ufficio edilizia di culto e beni culturali del Vicariato di Roma ha coordinato i lavori di restauro della chiesa per restituire questo prezioso luogo di culto alla citta’. I risultati fin qui ottenuti saranno condivisi nella giornata di venerdi’ attraverso una straordinaria apertura del cantiere, dalle ore 10 alle ore 18. Il via con il rito di benedizione della nuova copertura, presieduto da monsignor Daniele Libanori, vescovo ausiliare per il settore Centro e rettore della chiesa, di cui e’ titolare il cardinale Francesco Coccopalmerio. I cittadini, i rappresentanti delle istituzioni e i giornalisti che desiderano partecipare all’evento, saranno accompagnati nel corso della visita da un team di professionisti che illustrera’ le fasi di avanzamento dei lavori. A pochi giorni dal crollo, i tecnici dell’Ufficio edilizia di culto e beni culturali hanno predisposto e seguito le attivita’ di sgombero delle macerie, messa in sicurezza e il contestuale riconoscimento, recupero e catalogazione delle parti lignee del cassonettato e della struttura di copertura crollate; operazioni svolte sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza Speciale Archeologica Belle Arti e Paesaggio di Roma, e secondo le indicazioni della Procura di Roma, che ancora oggi sta svolgendo le sue attivita’.

Tutti gli interventi sono stati possibili grazie innanzitutto al contributo dell’otto per mille della Chiesa Cattolica, ma anche ad altre donazioni tra cui l’importante sostegno del Centro Commerciale Euroma2, nella persona del presidente Davide Zanchi, che hanno aderito al progetto “Insieme Ri-Costruiamo”. Si conclude dunque il restauro della copertura, ma si prosegue con i lavori nell’aula di culto, il riposizionamento del cassonettato, il restauro dei due organi storici e il consolidamento della volta della Cappella del Crocifisso. “Molto resta da fare – osserva monsignor Libanori – ma San Giuseppe dei Falegnami e’ sempre nel cuore dei romani!”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite: 65