Roccasecca, l’amministrazione comunale mette in sicurezza l’incrocio di via Guado Arcesano

via guado arcesanoIl sindaco Giorgio e l’assessore Rezza: “A breve ulteriori interventi su altre strade cittadine”.
Non solo via Guado Arcesano, ma un intervento globale di messa in sicurezza di tutti gli incroci che rappresentano situazioni di potenziale pericolo a Roccasecca.

È quello programmato dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giorgio. In questi giorni gli operai comunali hanno provveduto ad istallare dei dossi artificiali in prossimità dell’incrocio di via Guado Arcesano al fine di rallentare la velocità delle macchine e degli automezzi in transito, per aumentare la sicurezza sulla trafficata arteria. Non solo, l’amministrazione ha anche interessato la Provincia di Frosinone affinché intervenga allo stesso modo nel tratto di competenza.
Seguiranno, a breve, ulteriori lavori anche su altri incroci stradali, frutto di un programma di interventi messo a punto già da diversi mesi e che ora si sta concretizzando.
“Già da tempo avevamo programmato la messa in sicurezza dell’incrocio di via Guado Arcesano – ha spiegato il sindaco di Roccasecca Giovanni Giorgio – un intervento che servirà a disciplinare in maniera efficace il traffico e dunque aumentare i livelli di sicurezza per gli automobilisti. Non solo la sicurezza stradale è oggetto di interventi da parte dell’amministrazione: a breve ci saranno lavori di manutenzione e ulteriori progettualità che riguardano diversi settori della vita dei cittadini. L’amministrazione lavora, progetta ed esegue, le chiacchiere le lasciamo ad altri, più abituati a tale inutile e sterile esercizio”.
“Dopo via Guado Arcesano – ha aggiunto l’assessore Claudio Rezza – interverremo su altri incroci per aumentare il livello di sicurezza dei cittadini e degli automobilisti. Abbiamo anche interessato la Provincia per i lavori di messa in sicurezza dei tratti di competenza. Sono lavori che avevamo programmato già da tempo. Non interventi singoli, ma frutto di un programma di opere necessarie alla nostra comunità”.

Visite: 20