“RITRATTO DI FAMIGLIA IN UN INTERNO” al Teatro di Veroli, sabato 7 maggio ore 21, Domenica 8 ore 18,00.

Locandina RITRATTO_mailRITATTO DI FAMIGLIA IN UN INTERNO

“Ritratto di famiglia in un interno” nasce come completamento di un monologo scritto un paio di anni fa in cui un cinico egoista padre di famiglia si abbandonava a considerazioni politicamente scorrettissime su vari argomenti.

Considerato che nel testo venivano spesso evocate le figure degli altri due componenti del nucleo familiare, è stato quasi automatico perfezionare la sceneggiatura dando una propria consistenza ed una autonomia al personaggio della madre e a quella di Gianluca, il figlio ventenne.

Il senso del testo sta forse nel pesce dentro la boccia di vetro: ciascuno dei personaggi si muove dentro quella casa in apparente contatto con gli altri, ma di fatto separato, protetto dentro il proprio spazio inaccessibile.

Ogni personaggio si sente, a suo modo, migliore degli altri due, dunque viene bandita qualunque complicità familiare. La famiglia che si intravede dietro ognuno dei personaggi non è il luogo dove rifugiarsi, ma al contrario, è il terreno del conflitto.

Al di là del titolo vagamente viscontiano, il pezzo non ha niente di greve o di drammatico, ma anzi conserva gran parte dell’ironia del monologo originario.

L’intenzione dichiarata è quella di suscitare sorrisi e risate, che in fondo lascino anche il tempo di pensare.

massimo terzini

Personaggi e Interpreti

Lui – Vincenzo Panzini

Lei – Marta Fuligno

Gianluca – Marlon Joubert

Potrebbero interessarti anche...