REDDITO. PETIZIONE AVVOCATO DI STRADA: VADA ANCHE A SENZA DIMORA.

MUMOLO: 50.000 PERSONE IN STRADA; ESCLUSO CHI È SENZA RESIDENZA (DIRE) Bologna, 4 apr. – Petizione di Avvocato di strada perche’ il reddito di cittadinanza possa includere anche le persone senza dimora. “Doveva abolire la poverta’, invece, il reddito di cittadinanza taglia fuori i piu’ poveri in assoluto: le persone che vivono in strada e che non hanno la residenza anagrafica. Si tratta di una discriminazione profonda e una ingiustizia palese ha detto il presidente Antonio Mumolo– per questo abbiamo deciso di lanciare una petizione e chiedere al Governo di modificare la legge ed estendere anche alle persone che vivono in strada la possibilita’ di chiedere il reddito di cittadinanza e di intraprendere cosi’ un percorso che possa condurli a un lavoro e a una vita comune”. In Italia ci sono oltre 50.000 persone in strada. Persone che, sottolinea Mumolo, “sono diventate povere: sono padri separati, anziani con la pensione minima, donne sole con figli, giovani che non riescono a trovare lavoro, piccoli imprenditori falliti, lavoratori licenziati”. Nelle scorse settimane insieme alla Fiopsd e ad altre organizzazioni che si occupano di persone senza dimora, Avvocato di strada ha proposto al governo un emendamento al decreto per far si’ che queste persone non fossero tagliate fuori dal reddito di cittadinanza. “Ma i nostri appelli sono rimasti inascoltati e lo scorso 28 marzo il decreto e’ diventato legge”. La petizione e’ sulla piattaforma Buona Causa, l’obiettivo e’ raccogliere almeno 10 mila firme entro fine maggio. “Siamo di fronte a una insopportabile ingiustizia e non vogliamo arrenderci: chiediamo a tutti i cittadini che hanno a cuore i diritti delle persone piu’ fragili di sostenerci e di firmare la petizione. Vogliamo far sentire in maniera forte la nostra voce”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite: 60