Portami a ballare di Giovanni Ricciardi.

portami_ballareLa scrittura spontanea di Giovanni Ricciardi e l’ambientazione romana dei suoi racconti fanno di questo romanzo una proposta interessante e piacevole. Coadiuvato dal collega Iannotta, esempio vivido di una romanità trasteverina, il commissario inizia a documentarsi sul passato del giovane ucciso e inizia a scoprire dei tasselli che vanno a comporre un mosaico che dimostra un intreccio difficile da sbrogliare. Tra identità sovrapposte e tra sostituzioni all’ultimo momento per una partecipazione ad una manifestazione dedicata al tango argentino, il commissario prova a districarsi in un labirinto di enigmi e di menzogne che arrivano da più parti e anche da persone a lui molto vicine. In un agosto afoso e umido, alla soglia delle vacanze estive e della chiusura di tutti gli uffici, il commissario Ponzetti si ritrova coinvolto, un po’ per curiosità e un po’ per noia, in una indagine chiusa troppo frettolosamente e con un colpevole poco credibile.

pagine: 240.

http://www.libridaleggere.net

Visite:12