Petrassi (Consigliere regione Lazio): “Grande soddisfazione per la richiesta di archiviazione per Vincenzi e Patanè. Non ho mai avuto dubbi.”

Ieri è uscita la notizia della richiesta di archiviazione per i consiglieri regionali del Partito Democratico Marco Vincenzi ed Eugenio Patanè nell’inchiesta “Mondo di Mezzo”. “Esprimo grande soddisfazione per il totale proscioglimento di Vincenzi e Patané – ha dichiarato il consigliere Petrassi -, e soprattutto solidarietà a livello personale, per tutto quello che hanno dovuto subire e sopportare in questo lungo periodo.”

“La nostra società – ha proseguito Petrassi – sta prendendo una brutta piega: si gioca a soffiare sul fuoco della demagogia e del populismo, con processi sommari prima della fine delle indagini. Una gogna mediatica e politica che incide pesantemente, e soprattutto ingiustamente, sulle vite private di persone oneste. Essere garantisti, ossia rispettare il corso della giustizia e i diritti di ogni singolo cittadino, non è, o meglio, non dovrebbe essere, una prerogativa politica di questo o quel partito. Bensì uno dei più importanti pilastri alla base della nostra civiltà millenaria e dei nostri valori costituzionali. Invece di andarne orgogliosi, vediamo questi valori calpestati all’altare della strumentalizzazione politica e dei clamori della cronaca. E questo per me resta un’indecenza dei nostri tempi.”

“Al contrario – ha concluso Petrassi la dignità e il silenzio con cui Vincenzi e Patanè hanno affrontato l’intera vicenda, dimettendosi dai rispettivi ruoli non appena ricevuta la notizia e non entrando in alcuna polemica, dovrebbe insegnare molto a quanti continuano a fare della demagogia e della gogna mediatica il proprio vile mestiere. Con i miei amici e colleghi il tempo è stato galantuomo. Contro la deriva populista della nostra società invece c’è ancora molto da lottare.”

Visite totali:15
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...