PERIFERIE. DECARO: FURTO CON DESTREZZA, GOVERNO VIENE MENO ALLA PAROLA.

(DIRE) Roma, 9 ago. – “Stiamo assistendo a un furto con destrezza. Siamo in presenza di un governo che straccia un contratto scritto, viene meno alla parola data. E tanti saluti alla leale collaborazione tra istituzioni. Sul bando periferie si fa confusione, mischiando sentenze, interessi politici e risorse economiche che nulla c’entrano tra loro, solo per non dire la verita’: si stanno privando i Comuni di fondi necessari per rendere piu’ sicure e vivibili quelle delle nostre citta’ che soffrono situazioni di degrado economico e sociale”. Con queste parole il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, replica alla sottosegretaria all’economia, Laura Castelli. “Ristabiliamo la verita’ – sostiene Decaro -: e’ falso che non ci sia copertura per il miliardo e 600 milioni destinati ai 96 progetti del bando periferie. Ottocento milioni sono stati stanziati con delibere Cipe. Altri ottocento milioni attraverso il comma 140 di una legge di bilancio di due anni fa. Del resto tutte quelle convenzioni, che ora il governo vuole considerare carta straccia, avevano avuto la verifica e la registrazione della Corte dei Conti. Non un organismo politico quindi, ma il massimo organismo di validazione contabile”. Decaro conclude invitando il governo a un ripensamento. “Non abbiamo cercato lo scontro. Non abbiamo voluto fare muro contro muro. Anzi, in queste ore tutti i sindaci hanno cercato un’interlocuzione con il governo che richiamiamo a quel patto di reciproca collaborazione che dovrebbe sempre guidare le istituzioni, con l’obiettivo di tutelare gli interessi dei cittadini. Anche per questa vicenda del bando periferie, sarebbe bastato vedersi, parlarsi. Ora una cosa deve essere chiara ai nostri interlocutori istituzionali: i sindaci non si fanno prendere in giro”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Potrebbero interessarti anche...