PENSIONI. MISIANI: QUOTA 100 NON PROROGATA, ALTRI MECCANISMI FLESSIBILITA.’.

(DIRE) Roma, 27 lug. – “Il dibattito sul Recovery Fund spesso e’ surreale. Chi si lamenta della tempistica di erogazione delle risorse non si rende conto del cambio di passo che serve per utilizzare davvero quei fondi”. Lo dice il viceministro all’economia Antonio Misiani, intervistato dal Quotidiano Nazionale. Si possono usare queste risorse per ridurre le tasse? “I fondi europei servono per gli investimenti, la riforma fiscale la faremo con le risorse nazionali. Le troveremo razionalizzando le agevolazioni fiscali e riducendo drasticamente l’evasione”. Diremo addio a Quota 100? “Era una misura transitoria, scade a fine 2021, non verra’ prorogata. Bisogna discutere con le forze sociali meccanismi diversi di flessibilizzazione dell’eta’ di pensionamento”. Il Recovery fund rende superfluo il Mes? “Vedremo. II governo sul Recovery Fund ha ottenuto un risultato straordinario: con l’accordo finale all’Italia vanno addirittura piu’ risorse di quelle inizialmente previste, 209 miliardi anziche’ 173. Merito di Conte ma anche della squadra del Pd tra Roma e Bruxelles, da Amendola e Gualtieri fino a Gentiloni e Sassoli”. Quindi rassicura che “entrate e uscite sono in linea con le previsioni, lo spread e’ sceso molto e non c’e’ alcun problema di sostenibilita’ dei conti pubblici. Ma superata la recessione il debito andra’ rimesso su un sentiero discendente”.

Agenzia DiRE www.dire.it

Visite: 244