PAPA. A STAZIONE SPAZIALE: COSA PENSATE SULL’UOMO NELL’UNIVERSO?

FRANCESCO COLLEGATO IN DIRETTA CON NESPOLI E ALTRI ASTRONAUTI (SIR-DIRE) Roma, 26 ott. – “Buon giorno o buona sera perche’ quando si e’ nello spazio non si sa’ Penso che li’ le giornate scorrano in modo diverso. Ringrazio voi e quanti hanno organizzato questo collegamento che mi dà la possibilita’ di incontrarvi e di rivolgervi alcune domande”. Esordisce cosi’ Papa Francesco, questo pomeriggio in collegamento in diretta audio video dall’auletta dell’Aula Paolo VI con l’equipaggio della Missione 53, guidata dal comandante della Nasa Randolph Bresnik (Usa), a bordo della Stazione spaziale internazionale in volo a 400 km dalla terra. Rivolgendosi all’italiano Paolo Nespoli il Papa chiede: “L’astronomia ci fa contemplare gli orizzonti sconfinati dell’universo e suscita in noi le domande da dove veniamo e dove andiamo. Chiedo a lei, alla luce della sue esperienze nello spazio qual e’ il suo pensiero sul posto dell’uomo nell’universo”. “Santo Padre – la risposta dell’astronauta – questa e’ una domanda complessa, io mi sento un ingegnere, mi trovo a mio agio tra machine e esperimenti, ma quando si parla di queste cose molto piu’ interne rimango anch’io perplesso. È un discorso molto delicato penso che il nostro obiettivo qua e’ conoscere, riempire la conoscenza”. “Piu’ conosciamo, piu’ ci rendiamo conto di conoscere poco”. Da Nespoli l’auspicio che in futuro “persone come lei, teologi, filosofi, poeti, scrittori, possano venire nello spazio, questo sara’ certamente il futuro”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite: 45

Potrebbero interessarti anche...