Omicidio Serena Mollicone, chiesti 5 rinvii a giudizio: “Fu uccisa nella caserma dei Carabinieri”.

Svolta nella vicenda di Serena Mollicone, la ragazza di Arce, provincia di Frosinone, scomparsa l’1 giugno del 2001 e ritrovata morta due giorni dopo.

Svolta nella vicenda di Serena Mollicone, la ragazza di Arce, provincia di Frosinone, scomparsa l’1 giugno del 2001 e ritrovata morta due giorni dopo in un boschetto dell’Anitrella, a una decina di chilometri da casa.

La Procura di Cassino ha infatti presentato richiesta di rinvio a giudizio per cinque persone. Si tratta dell’ex comandante della stazione dei Carabinieri di Arce, Franco Mottola, il figlio Marco, la moglie Anna. E poi del luogotenente dei Carabinieri Vincenzo Quatrale e dell’appuntato Francesco Suprano.

Per la famiglia Mottola le accuse sono di omicidio volontario e occultamento di cadavere, per Quatrale di concorso morale esterno in omicidio e dell’istigazione al suicidio del brigadiere Santino Tuzi. Favoreggiamento, infine, per l’appuntato Suprano.

Secondo gli inquirenti la studentessa sarebbe stata uccisa proprio nella caserma e  le prime indagini non sarebbero state altro che un enorme depistaggio.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite: 57

Potrebbero interessarti anche...