Non c’è silenzio che non abbia fine di Ingrid Betancourt.

Nascosta nella foresta, negli accampamenti dei guerriglieri, lontana dalla famiglia e dagli affetti: a legarla al mondo solo una radio che tutte le mattine trasmetteva la voce della madre.

Questa è stata l’esperienza di Ingrid Betancourt, rapita perché colpevole di voler cambiare le cose nel suo Paese conteso tra gli interessi dei narcotrafficanti, l’ingerenza americana e l’insurrezione violenta della guerriglia. In questo memoir, l’autrice racconta la sua dolorosa esperienza all’insegna della solitudine, dell’incomprensione, della paura e dell’ostinazione. Perché comunque Ingrid non si è arresa: ha tentato la fuga, è stata ripresa, picchiata e umiliata, ma non ha mai perso la voglia di resistere.

pagine: 320, €  21,00.

da www.lafeltrinelli.it

Visite:30