Muroni (Leu): “Nella manovra le donne sono assenti”.

“A me spaventa molto il ragionamento che è stato fatto sulla possibilità di lavorare fino al nono mese di gravidanza”.

Questa è una manovra che colpisce le donne, anzi le donne sono assenti da questa manovra”. Così all’agenzia di stampa Dire la deputata di Liberi e Uguali Rossella Muroni entrando nel merito della manovra a margine della presentazione della mozione a sua prima firma a tutela della Valle del Sacco presentata stamattina nella sala stampa della Camera a Roma.

“A me spaventa molto il ragionamento che è stato fatto sulla possibilità di lavorare fino al nono mese di gravidanza continua Muroni- Chiunque sia donna, madre e lavoratrice, sa bene che dare la possibilità non alle donne, ma ai padroni, di far lavorare le donne fino al nono mese di gravidanza vuol dire sottoporle a un ricatto sicuro, certo, e negare alle donne, in uno dei momenti fra i più belli della loro vita, la possibilità di vivere la maternità e di prendersi cura dei propri figli. È una società ingiusta- conclude la deputata- che non riconosce questo contributo che noi diamo a tutti”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:23

Potrebbero interessarti anche...