MSGC: il 19 marzo alcuni Monticiani ridurranno drasticamente l’inquinamento dell’aria.

Fare Verde ha il primo candidato ufficiale al “Premio Gnomo” per l’Ambiente 2017

Finalmente il giorno 19 Marzo 2017 con la terza domenica ecologica sarà risolto (forse) il problema gravissimo dell’inquinamento dell’aria. Per la terza volta consecutiva alcune vie del Capoluogo, della frazione Colli e Anitrella saranno interessate dal blocco totale del traffico. Fare Verde  ha il dovere di ricordare ai pochissimi abitanti interessati dal blocco del traffico che rappresentano la proprietà di circa il 2% dei veicoli circolanti che comunque va rispettata l’ordinanza Sindacale anche se appare strana. Fatto è che i pochi Monticiani interessati dal blocco del traffico per la terza volta e per logica sono ritenuti, senza ragionevole dubbio, responsabili dell’inquinamento dell’aria dall’Amministrazione Comunale tanto è vero che è stata emessa l’ordinanza del divieto di traffico che per la terza volta consecutiva interessa sempre  le stesse aree (e gli stessi abitanti)  ritenendole quindi  luoghi di maggiore inquinamento. A tal proposito Fare Verde invierà una dettagliata relazione all’ISPRA per far studiare questo fenomeno di inquinamento circoscritto e confinato che non ha nessun precedente storico. Secondo il Rapporto sulla qualità dell’Ambiente Urbano le principali fonti di inquinamento atmosferico sono in ordine di gravità: gli impianti di riscaldamento domestico, i motori degli autoveicoli a combustione interna, gli impianti termici industriali, le centrali termoelettriche e gli impianti di incenerimento di rifiuti solidi. A queste fonti, cui si deve la liberazione nell’atmosfera di diossido di carbonio, monossido di carbonio, diossido di zolfo, ossidi di azoto, piombo, polveri sottili, idrocarburi, vanno anche aggiunti numerosi settori industriali (chimico, metallurgico, estrattivo) e di consumo finale responsabili dell’emissione di sostanze quali, per esempio, composti organici di varia natura (tra cui clorofluorocarburi).
E’ inconfutabile  però che le temperature sono più miti e i riscaldamenti sono spenti, visto che le macchine circolanti nei luoghi indicati nell’ordinanza si contano sulle dita delle mani, visto che non ci sono inceneritori, visto che non ci sono industrie di nessun tipo: si vuole capire che bisogna partecipare alle domeniche ecologiche nell’interesse comune ma se è il traffico ad essere ritenuto dal Comune di Monte San Giovanni Campano il maggior responsabile dell’inquinamento dell’aria allora per quale sacrosanta ragione non viene bloccato  il restante 98% del parco macchine circolante? Un mistero che Fare Verde chiederà di svelare al Ministero dell’Ambiente, all’ISPRA e all’Assessore all’Ambiente della Regione Lazio e al Presidente della Provincia di Frosinone perché la questione sa tanto di pressappochismo e di superficialità nel contrasto di una criticità gravissima che fa morire prematuramente 400.000 ITALIANI l’anno.
Intanto Fare Verde provincia di Frosinone comunicherà   all’Assessore Regionale all’Ambiente della Regione Lazio che è il primo candidato al Premio Gnomo per l’Ambiente 2017 per essersi distinto nel contrasto all’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo portandolo come esempio alle future generazioni anche per come si possa procurare il commissariamento  del Governo Italiano per l’infrazione Europea in corso relativa alle discariche (salvo eventuali complicazioni perchè il peggio deve ancora venire).
Fare Verde Monte San Giovanni Campano

Visite: 35

Potrebbero interessarti anche...