MIRACOLO DELLA NATURA AD ARPINO.

Arpino, Arpino, quale massima occasione perduta! Un gioiello urbanistico e storico come i più celebrati specialmente della Toscana e dell’Umbria ma con una sola pregiudizievole negatività nefasta: trovarsi in Ciociaria e, ancora peggio, nel capoluogo tra i più sgangherati e cementificati del Paese, come le statistiche annualmente confermano. Ma qui ci arrestiamo, senza importunare il sonno colposo e le malefatte o le cose-fatte-male di certi sindaci e segretari e di certi squinternati uffici tecnici, salvo le immancabili eccezioni, che si sono alternati negli anni alla non-guida della sfortunata città, come si legge guardandosi attorno.

Alle pendici di Monte S.Girolamo che si distende ai piedi di Civitavecchia e che degrada dolcemente fino alla Via Agrippa, fino a pochi anni addietro e per secoli percorso da suggestivo sentiero di comunicazione Arco-Acropoli, oggi meglio non descriverlo, si trovano solo piccoli oliveti che lo ricoprono intieramente per tutta la estensione. E in realtà in questo dolce declivio si respira e si gode una temperatura ed atmosfera particolari, senza parlare della veduta che vi si osserva. E se oggi si ha piacere ad inoltrarsi sulla cosiddetta Via Greca e ci si arresta davanti ad un cancelletto del vecchio muro intorno all’oliveto, alzando lo sguardo, di fronte e in corrispondenza, a tre-quattro metri in linea d’aria, si assiste ad un vero e proprio miracolo della natura: un piccolo vecchio pero tutto fiorito, in piena effiorescenza, fiori bianchi quali gemme preziose, già dai primi di ottobre!

Un dono impagabile della natura.

Michele Santulli

(lettori 197 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: