MIGRANTI. PAGANO (LN): RENZI HA SVENDUTO PORTI PER MANCETTA 80 EURO.

(DIRE) Roma, 22 lug. – “Il nanismo del governo Gentiloni e del Pd di Renzi si vede dalle reazioni scomposte a ogni proposta o suggerimento da coloro che loro reputano populisti, salvo poi rivelarsi le posizioni piu’ realistiche e sensate. Lo hanno fatto prima con le proposte di Salvini e della Lega, da sempre convinti della necessita’ di arrestare il flusso migranti bloccando le navi Ong e aiutandoli a casa loro, ora con Orban che invita l’Italia a chiudere i porti. Nel frattempo in questi anni sono morti nel Mediterraneo oltre 10 mila persone e il nostro Paese sta esplodendo sotto il peso di una finta e insostenibile accoglienza. Ma non e’ sciatteria ne’ incapacita'”. Cosi’ il deputato Alessandro Pagano della Lega-Noi con Salvini. “La verita’- aggiunge- e’ che i porti non li possiamo chiudere. Per volonta’ o colpa di Renzi. Questo e’ infatti un disegno studiato a tavolino con la complicita’ dell’attuale segretario Pd. Renzi ci ha letteralmente venduti all’Europa, barattando con Bruxelles quando era premier l’approdo indiscriminato sulle nostre coste di tutte le navi cariche di profughi e clandestini con la flessibilita’ necessaria per la sua mancetta elettorale, il bonus da 80 euro. Con quella misura ha sostanzialmente vinto le europee e consolidato il suo governo nato nel Palazzo. Cosi’, proprio da Palazzo Chigi ha potuto continuare in questi anni a portare avanti politiche servili nei confronti della tecno finanza di Bruxelles. Questa e’ la verita’ e gli italiani lo devono sapere”. 

Visite: 30

Potrebbero interessarti anche...