MIGRANTI FVG. PD: LEGA INDICHI I LUOGHI PER I CENTRI RIMPATRIO

ROJC: “A CONTI FATTI, NON CI SARANNO ESPULSIONI DI MASSA”. (DIRE) Trieste, 5 feb. – “Vogliamo sapere dove e quando sorgeranno i Centri di permanenza e rimpatrio (Cpr), quanti migranti ospiteranno, perche’ e’ molto probabile che il regime di detenzione non sia cosi’ scontato come si dice”. Lo chiede in una nota la senatrice del Pd, Tatjana Rojc, commentando le dichiarazioni del sottosegretario all’Interno, Nicola Molteni, in visita nel Friuli Venezia Giulia, il quale ha sottolineato il bisogno che ci siano i Cpr, perche’ il governo ha bisogno di incrementare la politica del rimpatrio e delle espulsioni. “Ormai da mesi la Lega ripete che in Friuli Venezia Giulia si faranno piu’ Cpr- spiega Rojc-, ma a parte la solita martoriata Gradisca e forse la Cavarzerani di Udine rimane il mistero sulla dislocazione in regione di strutture delicate come queste. I cittadini che se le vedranno sorgere accanto e’ bene siano preparati, anche perche’ la presenza di un centro di detenzione non aumenta il livello di percezione della sicurezza”. Secondo la senatrice dem, la permanenza in attesa di espulsione dei migranti nelle strutture potrebbe essere inoltre piuttosto lunga, a causa della scarsita’ di fondi. “Le risorse vere a disposizione, non quelle della propaganda- aggiunge-, ammontano a 3,5 milioni e un solo rimpatrio con accompagnamento forzato costa almeno tremila euro. I conti sono presto fatti e dunque- conclude Rojc– non ci saranno espulsioni di massa, neanche dal Friuli Venezia Giulia”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:15

Potrebbero interessarti anche...