MIGRANTI. FARAONE (IV): DUO SALVINI-MUSUMECI ASFALTATO.

(DIRE) Roma, 27 ago. – “Sospesi. Che brutta notizia stasera per il duo Salvini-Musumeci. Quell’ordinanza del presidente della Regione siciliana, poco fa sospesa dal Tar, li ha asfaltati. Il Tribunale ha accolto l’istanza presentata dalla Presidenza del Consiglio e dal ministero dell’Interno e ha confermato che quel foglio sventolato in diretta Facebook da Musumeci va oltre i poteri delle Regioni e soprattutto non dimostra l’aggravamento del rischio sanitario legato al fenomeno migratorio”. Lo scrive su facebook avide Faraone, capogruppo Iv al senato. “Meno male- aggiunge-. Meno male per la mia Sicilia. Per chi lavora, produce, nonostante le difficolta’. E sapete perche’? Provate per un istante a mettervi nei panni di un turista che sogna di venire a visitare la Sicilia con la propria famiglia. Secondo voi, quando in TV sente che Salvini e Musumeci dicono che l’isola e’ un Lazzaretto, il campo profughi d’Europa, che i migranti passeggiano per strada e infettano tutti quelli che passano accanto, che cosa pensa? Di andare lontano anni luce da qui, naturalmente. Salvini non conosce la Sicilia e quando non l’ha ignorata l’ha insultata. Detto molto chiaramente, a lui dei siciliani non importa un fico secco. D’altronde e’ sempre quello stesso Salvini che una volta affermo’ che Enna si trova in provincia di Catania e un’altra volta scambio’ l’immagine dell’Etna con quella del Vesuvio. Lui oggi ha un solo interesse: descrivere la Sicilia come campo profughi d’Europa per prendere voti nelle Regioni in cui si vota: Veneto, Toscana, Campania, Puglia, Marche, Liguria”.

“Ma il suo interesse- continua Faraone- non coincide con l’interesse di noi siciliani, dei lavoratori del settore turistico, dei ristoratori, dei commercianti, degli albergatori, di tutti gli imprenditori che dopo il lockdown si sono tirati su le maniche per far funzionare la stagione, per recuperare qualcosa dopo il disastro economico generato dall’epidemia. Chiamo a testimoniare i siciliani e tutti coloro che sono stati in Sicilia per le vacanze: sto mentendo io o mente Salvini? Avete veramente visto le nostre strade invase dai migranti? Li trovate nelle nostre localita’ turistiche, nelle nostre citta’ a bivaccare? Sfido Salvini a un confronto pubblico, nel solo interesse della mia terra e della verita’. Sta raccontando un mucchio di balle soltanto per raccattare voti sulla pelle di noi siciliani e della nostra economia. È lui che deve togliersi dalle scatole e lasciarci in pace. Deve lasciare che il popolo siciliano si risollevi dopo il disastro economico, un popolo che non ha bisogno di nuove palle ai piedi. I turisti vengono, per fortuna in tantissimi, e trovano un’accoglienza straordinaria perche’ noi siciliani il nostro lavoro sappiamo farlo”. “E Musumeci, che da presidente della Regione dovrebbe tutelare gli interessi della Sicilia- sottolinea-, decide invece di ingraziarselo facendogli da vassallo. Pure lui amplifica, fa apparire la nostra isola invasa attraverso ordinanze farlocche, girando le tv di tutta Italia, alimentando la narrazione dell’invasione per favorire il disegno del suo nuovo mentore padano. Faccio una scommessa con tutti voi: scommetto che fra qualche giorno Musumeci e Salvini stringeranno un patto politico elettorale! Vedrete che il buon Nello aderira’ alla Lega o fara’ un accordo politico tra il suo movimento e la Lega. Presidente Musumeci, sia gentile, la smetta di denigrare la sua Regione, di andare in tv a terrorizzare la gente, di rilasciare interviste descrivendo una situazione inesistente. Piuttosto dia una mano ai sindaci di frontiera che non possono permettersi di perdere tempo e devono garantire sicurezza sanitaria e ordine pubblico ai loro concittadini. Faccia i tamponi, si assicuri che venga misurata la temperatura a chi sale e scende dai traghetti, dagli aliscafi, dagli aerei. Lei e’ l’autorita’ sanitaria per la Regione, vuole che le venga riconosciuta e garantita questa prerogativa? Bene, la eserciti allora!”. 

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 1025

Potrebbero interessarti anche...