MIGRANTI. DI MAIO: DIMINUITI SBARCHI DA TUNISIA, MA NON ABBASSIAMO GUARDIA

GRAZIE A SAIED GUIDA STABILE (DIRE) Roma, 8 ago. – “Negli ultimi tre giorni sono diminuiti in maniera drastica gli sbarchi dalla Tunisia. Questo coincide anche con la notizia dell’arresto di 10 trafficanti di esseri umani, considerati i capi delle organizzazioni tunisine che trasportavano in maniera clandestina le persone. È una buona notizia ma non bisogna abbassare la guardia, le cause dei flussi migratori sono infatti molteplici, incluso il mare mosso e le condizioni meteorologiche. Si era registrato un problema, siamo intervenuti con chiarezza con le autorita’ tunisine per far presenti le nostre aspettative”. Lo scrive su Facebook il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, Luigi Di Maio. “L’incremento dei pattugliatori a Sfax e la visita del presidente della Repubblica Saied, che ringrazio, sono stati segnali molto importanti, che l’Italia ha apprezzato. Hanno evidenziato l’amicizia che lega i nostri due popoli e il presidente Saied, soprattutto, si e’ dimostrato essere una guida stabile e fondamentale per la Tunisia, in un momento di difficolta’ economica per il Paese. Dunque anche un punto di riferimento per l’Italia”, prosegue Di Maio.

“Cio’ che ci differenzia dalle urla e dagli slogan di qualcun altro sono il dialogo e la scelta di politiche concrete. La soluzione non risiede nella propaganda o nella discriminazione del prossimo, ma nella pianificazione e nella programmazione. Detto questo, sono dell’idea che uno Stato come l’Italia non debba mai aver paura di difendere i propri confini, specie in un momento come questo, con una crisi pandemica ancora in corso. Davanti alla nostra sicurezza nazionale non contano le ideologie o i colori politici, conta la testa. Ringrazio la ministro Luciana Lamorgese e tutto il governo per il lavoro di squadra fatto fino ad ora. Andiamo avanti con il massimo impegno”. Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. 

Visite: 91

Potrebbero interessarti anche...