Mezzi da lavoro rubati e “ripuliti” per essere esportati fuori dall’Italia.

POLIZIANella tarda serata di ieri una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone, in servizio di vigilanza autostradale, procede al controllo di un autoarticolato.
Alla guida del veicolo un cinquantenne romano che presenta agli agenti la documentazione relativa al carico trasportato: un mezzo pesante da cava diretto in un Paese del Nord Africa.
L’apparente regolarità di quanto presentato dall’uomo non convince però i poliziotti che decidono di effettuare un controllo più approfondito.
Il fiuto degli operatori di polizia ha colto nel segno: il mezzo da cava è stato difatti rubato qualche giorno addietro a Fiano Romano.
Il furto è stato commesso in danno di una ditta che opera per conto della Società Autostrade per l’Italia, alla quale sono stati rubati altri due mezzi pesanti del valore commerciale complessivo di oltre 200.000 euro, utilizzati nei cantieri autostradali e nelle operazioni invernali in quanto provvisti di aggancio per l’attrezzatura spazzaneve.
Il cinquantenne per la sua attività di intralcio alla identificazione della provenienza delittuosa della refurtiva trasportata è stato denunciato per riciclaggio, mentre il mezzo da lavoro sarà restituito al legittimo proprietario.

Visite: 29