(LZ) SOCIALE. FROSINONE, QUANDO L’INTEGRAZIONE SI FA… SUL LEGNO.

OPERATRICE OSA SPIEGA TRAGUARDI RAGGIUNTI GRAZIE A LABORATORIO INTARSIO (DIRE) Roma, 24 feb. – Un progetto “intergenerazionale, di integrazione, di trasmissione di antichi mestieri e tecniche in disuso”. Il cui obiettivo e’ stato centrato in pieno: mettere i pazienti alla prova, stimolare la loro curiosita’, consentire loro di impegnarsi. E’ il laboratorio di intarsio sul legno di corso Lazio che due volte a settimana riunisce tutti insieme venti anziani dei Centri sociali anziani di Frosinone e cinque minori stranieri inseriti nella struttura del Gruppo Appartamento. “I ragazzi sono pieni di entusiasmo- spiega l’operatrice della cooperativa Osa, Gianna Minotti, che gestisce il laboratorio da venti anni- Sono curiosi e affascinati da questa antica tecnica che non conoscevano. Si sono impegnati e sono anche molto bravi. Gli anziani hanno dimostrato spirito di accoglienza e disponibilita’. Anche grazie alla collaborazione con le mie colleghe, siamo riusciti a creare relazioni positive, di dialogo e collaborazione superando le barriere della lingua visto che i ragazzi parlano inglese in modo dialettale”. Gianna coltiva la passione per l’intarsio da quando era ragazza ed e’ riuscita a trasmettere questa passione non sono agli anziani dei Centri sociali gestiti da Osa, ma anche a numerosi ragazzi che hanno saputo del suo corso grazie al passaparola. “È un’attivita’ che o ami da subito, crea quasi dipendenza- scherza l’operatrice- o che odi dal primo giorno e l’abbandoni per sempre. Richiede pazienza, attenzione e puo’ regalare anche tante soddisfazioni. Puo’ sembrare, apparentemente, un lavoro solo individuale ma in realta’ richiede anche spirito di gruppo e la propensione a saper ascoltare e accettare i consigli degli altri. E poi richiede molta manualita’ ed e’ per questo che piace sia agli adulti che ai ragazzi”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Potrebbero interessarti anche...