(LZ) COLOSSEO. BERGAMO: CON PIÙ BUONSENSO RICORSO NON CI SAREBBE STATO.

(DIRE) Roma, 8 giu. – “Penso che con maggior buonsenso il ricorso al giudice per farsi confermare queste cose non sarebbe stato necessario, perche’ noi abbiamo fatto una proposta per discutere soluzioni per il governo del patrimonio della citta'”. Lo dice il vicesindaco di Roma e assessore alla Crescita culturale, Luca Bergamo, intervistato dall’agenzia Dire a proposito della sentenza con cui ieri il Tar del Lazio ha accolto il ricorso presentato dal Campidoglio contro l’istituzione del Parco archeologico del Colosseo voluta dal ministro dei Beni e delle Attivita’ culturali e del Turismo, Dario Franceschini. Sentito a margine del convegno ‘Futuro periferie. La cultura rigenera’, in corso al complesso ex Cerimant e a cui sono attesi anche il ministro Franceschini e il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, Bergamo ribadisce che “la sentenza del Tar e’ importante e lo confermo, perche’ parla e argomenta su ciascuna delle osservazioni che sono state mosse e tutte quante accolte, dalla questione della redistribuzione delle risorse, al potere speciale della citta’ di intervenire in modo concorrente sulla valorizzazione del patrimonio culturale, e quindi sulla necessita’ che ci sia un concorso tra il Governo e l’ente locale, in particolare Roma Capitale, nelle decisioni che riguardano questa materia. E poi, gli elementi che riguardano i poteri del ministero nella riorganizzazione, con una limitazione di questi poteri. Mi pare che nell’insieme tutte le osservazioni che sono state poste a sostegno del ricorso sono state ritenute fondate”.

Tra l’altro, aggiunge il vicesindaco, “ritengo che esiste un aspetto che considero molto importante, che ha quasi rilevanza costituzionale: in che modo si articola il rapporto tra il governo centrale e il governo del territorio su materie che la Costituzione ritiene concorrenti e attribuisce al governo del territorio. In particolare, si tratta di valori di interesse strategico nello sviluppo della citta’ e del Paese”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite: 29

Potrebbero interessarti anche...